Immigrazione: Cristiani gettati in mare dai musulmani, 15 arresti a Palermo

morti-cristiani

 

Mentre noi ci spacchiamo letteralemnte in quattro per salvare i sedicenti “profughi in fuga dalla fame e dalla guerra” loro ci ripagano assassinando i cristiani prima di sbarcare. Certo non si puo’ dire che siano ipocriti: LE LORO INTENZIONI SONO APERTAMENTE DICHIARATE E ATTUATE.

Quindici immigrati sono stati sottoposti a fermo di polizia giudiziaria dalla Squadra mobile di Palermo la notte scorsa con l’accusa di aver gettato in mare durante la traversata del Canale di Sicilia DODICI loro compagni di religione cristiana. I fermati sono tutti musulmani e tra loro c’e’ anche un minorenne.

UE, Kyenge irresponsabile: possibile che qualche migliaio di immigrati si trasformi in emergenza?

Secondo quanto ricostruito in base alle testimonianze di altri profughi, sul barcone sarebbe scoppiatO UNO scontro religioso scaturito dall’odio di un gruppo di musulmani che hanno sopraffatto i cristiani e li hanno scaraventati fuori bordo. La polizia avrebbe raccolto “dichiarazioni coerenti”, si apprende da fonti giudiziarie, e ci sarebbero anche riconoscimenti fotografici di alcuni degli indagati.

Un rapporto e’ stato consegnato stamattina al procuratore aggiunto Maurizio Scalia. La Procura ha adesso 48 ore di tempo per chiedere la convalida dell’arresto. I 15 fermati fanno parte di uno dei tre gruppi di profughi sbarcati ieri a Palermo con tre diversi navi che li avevano soccorsi nel Canale di Sicilia. (AGI) .

I fermati sono di nazionalità ivoriana, malese e senegalese, e sono accusati di omicidio plurimo, aggravato dall’odio religioso. Le indagini della Squadra Mobile palermitana sono cominciate dopo le testimonianze di una decina di naufraghi nigeriani e ghanesi, sbarcati al porto di Palermo, a bordo della nave ‘Ellensborg’, ieri. I testimoni, piangendo, hanno raccontato di essere superstiti di uno scontro religioso scaturito dall’odio di un gruppo di musulmani verso i cristiani.

I migranti hanno raccontato di essersi imbarcati il 14 aprile su un gommone, partito dalle coste libiche con 105 persone, in prevalenza senegalesi ed ivoriani. Durante la traversata, nigeriani e ghanesi, in minoranza, sarebbero stati minacciati di essere abbandonati in acqua perché cristiani, da una quindicina di passeggeri, di nazionalità ivoriana, senegalese, maliana e della Guinea Bissau.

Dalle minacce i musulmani sarebbero passati all’azione gettando in acqua dodici tra nigeriani e ghanesi. La polizia dice che i ”superstiti si sarebbero salvati soltanto perché oppostisi strenuamente al tentativo di annegamento, in alcune casi formando anche una vera e propria catena umana”.



   

 

 

1 Commento per “Immigrazione: Cristiani gettati in mare dai musulmani, 15 arresti a Palermo”

  1. Claudio Franza

    Ci stiamo allevando la serpe in seno .Poi non lamentiamoci. Chi è colpa del suo mal pianga se stesso.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -