Vigili picchiati e furti di rame, Marino sbotta contro i nomadi

nomadi

 

Il sindaco Marino: o i nomadi rispettano le regole o via da Roma

“Nessuno si può permettere di alzare le mani o minacciare un membro della polizia locale della nostra città. Questo non è tollerabile e non è accettato da me e non sarà tollerato”. Finalmente il sindaco di Roma Ignazio Marino ha reagito ai recenti scontri avvenuti tra comunità nomadi e forze dell’ordine dopo il rogo del campo de La Rustica.

“Lo dico con molte chiarezza: non può essere tollerata l’illegalità”, ha continuato il sindaco della Capitale collegatosi con i microfoni di Radio Radio per l’abituale diretta.

“Se le popolazioni rom decidono di vivere all’interno di un’area urbana come quella di Roma e vogliono rispettare la legge, avere un lavoro, mandare i propri bimbi a scula, allora siamo d’accordo. Ma se dobbiamo avere bambini che invece di seguire il loro percorso di bambini, apprendere, andare a scuola, socializzare con altri bambini, vengono costretti a fare furtarelli nelle nostre metropolitane e nei nostri autobus, se gli adulti rubano il rame e mettono a rischio i trasporti e l’illuminazione in città come l’altro giorno che a causa di un problema legato a furti di materiali metallico s’è bloccata la conduzione elettrica in una parte della città e abbiamo avuto i semafori spenti, se questo deve essere, queste persone non sono assolutamnte benvenute”.

La questione nomadi è importante in quasi tutte le grandi capitali europee, ha ricordato Marino “tanto che nei programmi di investimento e per inclusione sociale 2014-2020 l’Europa ha destinato importanti risorse per risolvere questo problema che affligge le popolazioni e i sindaci di Vienna, Barcellona, Parigi e Madrid”. Accoglienza sì, ha concluso secco il sindaco “ma con lo stesso rispetto delle regole che pretendiamo dalle romane e romani nati e vissuti in questa città, lo devono avere coloro che giungono nella Capitale, se no se ne vadano” askanews



   

 

 

3 Commenti per “Vigili picchiati e furti di rame, Marino sbotta contro i nomadi”

  1. Per aver reagito in questo modo, i rom al signor Marino devono avergli fregato qualcosa di personale. Forse la panda rossa?

  2. Bravissimo Marino! Che il tuo esempio serva a qualcuno anche qui a Milano!!!

  3. NON BASTAVANO QUELLI NOSTRANI. : avevamo biosogno di un aiuto degli extracomunitari. e comunitari. … “Le leggi fasciste che NON sono state soppresse . per gl stessi fatti, sento dire : manca la legge. Od occorre fare la legge . Fatta non trova la strada per garantire alla “COLLETTIVITA'” una vita Sociale accettabile.!
    SIAMO IN MANO AD UNA MASSA DI INCOMPETENTI O DEL “GATTO E LA V.OLPE”. ?

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -