Pontedera: i profughi si ribellano “Non vogliamo piu’ spazzare”

immigr-pozzallo

 

Pontedera, 29 gennaio 2015 – ALL’INIZIO hanno preso in mano scope e secchielli con entusiasmo. L’avevano capito subito che rimboccarsi le maniche – spazzare la strada e raccogliere foglie e cartacce ai giardini – era un modo per integrarsi in una città che sa essere accogliente. In questi mesi i profughi ospitati in piazza XX settembre a San Miniato – sono sette e provengono dal Gambia, dal Mali e dal Senegal – sono stati oggetto anche di molta generosità. Lo riporta ilgiorno

Lavoravano gratis in nome di un programma di volontariato basato un progetto nato in sinergia tra il Comune di San Miniato e la Misericordia di Empoli. Dall’inizio del 2015 in cinque hanno incrociato le braccia perché, pare, che secondo loro «sia venuto il momento di essere pagati». Due, invece, hanno continuato in quel progetto che non punta a sfruttarli ma bensì a favorirne l’integrazione, passaggio chiave per tentare un altro futuro in Italia. Cinque invece sembra proprio che non vogliano sentir parlare di tornare a spazzare.

Il progetto è stato fortemente voluto dal Comune così anche da aiutare gli stessi cittadini a guardare i profughi in modo diverso e farli sentire parte della comunità. Nei giorni scorsi l’amministrazione comunale (gli assessori Spalletti e Guazzini) ha incontrato i ragazzi. Ma senza successo.



   

 

 

2 Commenti per “Pontedera: i profughi si ribellano “Non vogliamo piu’ spazzare””

  1. sono venuti qui per fare la bella vita! i sinistri non lo hanno ancora capito ?

  2. Purtroppo nei loro paesi di origine, gli uomini non lavorano, vanno a caccia e si fanno le guerre tribali, lavorano le donne. Pensate che qui abbiano voglia di lavorare? Hahahahahaha.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -