Concordia: Domnica chiede risarcimento di 200mila euro “ho avuto danni psicologici”

Domnica-Cemortan

 

Domnica Cemortan, la giovane donna che era con Francesco Schettino in plancia di comando la sera dell’impatto della Costa Concordia con gli scogli dell’Isola del Giglio, vuole che le vengano riconosciuti 200.000 euro per i danni subiti. Lei era non solo una passeggera di quella crociera conclusasi tragicamente il 13 gennaio del 2012, ma ha dovuto subire anche un danno aggiuntivo, quello derivato dall’essere vittima di una “aggressione mediatica”.

A spiegarlo è stata l’avvocato Valentina Quaroni al processo di Grosseto ha fatto registrato una nuova querelle tra il Codancons e Costa Crociere, con i l’organizzazione dei consumatori che ha definito “inattendibili” i file delle manutenzioni del generatore di emergenza consegnati da Costa ai periti nel corso dell’incidente probatorio e, ha detto l’avvocato del Codacons Giuliano Leuzzi, “relativi alle dieci settimane precedenti il naufragio”. Sulla presunta falsificazione dei file Costa ha presentato una querela, dopo che la procura ha chiesto l’archiviazione della vicenda, e la stessa procura ha aperto un fascicolo per calunnia.

Il legale: “Ha subìto una ingiustificata aggressione mediatica” – Ma, seppure assente, gran parte dell’attenzione all’udienza è stata per lei, la bionda moldava che rivelò poi anche di avere avuto una relazione con l’ex comandante della Concordia: le richieste dei legali della Cemortan sono la condanna dell’ex comandante, centomila euro di provvisionale e circa duecentomila in totale. Domnica “non è venuta per evitare ulteriori esposizioni – ha detto l’avvocato Quaroni -. La Cemortan era imbarcata come passeggera e ha subìto un doppio danno per l’ingiustificata aggressione mediatica cui è stata sottoposta, quasi a volerla colpevolizzare.

“Ha avuto conseguenze irreversibili, di natura psichica” – Anzi, la signora Cermotan ha tenuto un atteggiamento di collaborazione, non si è sottratta ai propri obblighi”. Da tutta l’esperienza-Concordia Domnica ha avuto “conseguenze irreversibili, di natura psichica”, cioè lo stress post traumatico, per le ore di terrore vissute in prima persona. “Quella notte – ha detto ancora il legale – Domnica ha rischiato di rimanere schiacciata dalla nave ma ha partecipato ai soccorsi dei passeggeri mettendo a rischio la propria incolumità e la propria vita”. TISCALI



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -