La Mecca: alleati dell’Occidente decapitano una donna in pubblica piazza

Un’altra esecuzione pubblica. Una donna è stata “giustiziata” in piazza a La Mecca, con sentenza eseguita tramite decapitazione.

Laila Bint Abdul Muttalib Basim, una donna birmana residente in Arabia Saudita, è stata condannata a morte per abusi sessuali ed omicidio della propria figliastra. Noi non sappiamo se la donna fosse colpevole o innocente, ma sappiamo invece che razza di processi e di giustizia ci sono in Arabia e come vengono trattati gli immigrati.

L’esecuzione, che ha suscitato le proteste delle associazioni per i diritti umani, è stata particolarmente brutale: la donna, che urlava disperata, è stata trascinata in strada e costretta a terra da quattro agenti di polizia e quindi decapitata con una spada. Inoltre, per rendere ancora più dolorosa la morte, le sono stati negati gli analgesici, somministrati invece a diversi condannati a morte.

Nel regno saudita, alleato delle potenze occidentali,  il numero di esecuzioni è in continuo aumento. Nelle prime due settimane, racconta The Eye of Middle East, di quest’anno sono già quindici. Nel 2014 sono state 87, quattordici in più dell’anno precedente.

islam-arabia



   

 

 

1 Commento per “La Mecca: alleati dell’Occidente decapitano una donna in pubblica piazza”

  1. C’è bisogno di commenti ? Uno solo : ORRORE !!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -