Poste Italiane si sta trasformando in una Banca: E gli utenti?

poste_201119 dic – Addio alle vecchie Poste Italiane (P.I.)? Si’, mantenendo il monopolio, pero’ – puntualizza Primo Mastrantoni, segretario Aduc -. Le raccomandate, per esempio, sono un servizio effettuato da Poste Italiane ma se non si possono ritirare al momento della consegna nella propria abitazione (e’ noto che tutti stanno a casa durante le ore lavorative) occorre recarsi presso un ufficio centralizzato, il che significa aumento delle file e mezza giornata di lavoro persa.

La posta ordinaria, secondo le previsioni di P.I., dovrebbe avvenire sempre piu’ con strumenti telematici, ma la digitalizzazione del nostro Paese e’ ancora da attuare, visto che in graduatoria siamo il lumicino d’Europa, e ci sono 16 milioni di pensionati che di sistemi telematici ne sanno poco. Nel frattempo, in previsione di una posta celere si prevedono aumenti tariffari.

Nei fatti P.I. si sta trasformando in una banca, con interesse a piazzare i propri prodotti. Tanto vale che le P.I. si privatizzino completamente e si mettano sul mercato senza mantenere situazioni di moopolio. La concorrenza decidera’ il futuro.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -