Come l’ONU sta consegnando la Libia alle milizie islamiche

Isis arriva a Derna, Libia

Isis arriva a Derna, Libia

 

12 dic – “Dopo averci aiutato a rovesciare il regime di Muammar Gheddafi, la comunità internazionale, soprattutto i paesi maggiori, ha lasciato la Libia da sola” e ora “è responsabile di quanto accade” nel Paese. Lo ha detto il premier libico Abdullah al Thani ad al Arabiya, spiegando che “le armi dovevano essere distrutte per ricostruire lo Stato”.

Le sanzioni dell’Onu che impediscono le importazioni di armi in Libia “rendono uguali vittime e carnefici. Questa è una delle ironie dell’Onu”, ha aggiunto Al Thani.

Siria, automezzi dell’Onu usati da al Qaeda per compiere attentati

“Vogliono che combattiamo il terrorismo, i gruppi dell’Isis e di Ansar al Sharia, ma senza il sostegno di alcuni (Paesi) fratelli, non avremmo resistito così a lungo”, ha proseguito il premier del governo transitorio che nella lunga intervista ha ringraziato gli Emirati arabi, l’Arabia Saudita e l’Egitto.

jihadisti Isis su veicoli dell'ONU

jihadisti Isis su veicoli dell’ONU

Secondo al Thani infine, la missione Onu in Libia “usa un doppio standard: quando le milizie di Fajr Libya hanno colpito Tripoli e ucciso dei civili, ha taciuto. Quando i raid dell’aviazione hanno colpito i depositi di armi delle milizie islamiche, l’inviato Bernardino Leon ha detto che era inaccettabile”. “Noi abbiamo il dovere di distruggere le basi e i depositi” delle milizie filo-islamiche, ha concluso.

In queste ore “le nostre truppe stanno avanzando verso Tripoli per liberarla”, ha annunciato Al Thani, aggiungendo che le forze governative si muovono verso la capitale da ovest. La capitale è sotto il controllo delle milizie filo-islamiche Fajr (Alba) che vi hanno imposto un governo “parallelo”. Le forze libiche “sono alle porte di Ajaylat (a 80 km a ovest di Tripoli, ndr) dove la gente ha festeggiato quando sono entrate. Quindi riprenderanno Ras Jedir (al confine con la Tunisia) e si muoveranno verso Tripoli per liberarla da questo gruppo”, ha aggiunto al Thani in una lunga intervista. Secondo il premier libico, le milizie di Fajr Libya non controllano più del 5-10% del territorio “con la repressione e la tortura”, ma il 95% dei libici è con il parlamento eletto e il suo governo. Al Thani ha quindi ribadito il sostegno ai tentativi di dialogo sotto l’egida dell’Onu, ma “non è un dialogo incondizionato: chi vuole contribuire è benvenuto, ma deve riconoscere la nostra legittimità”.(ANSAmed).

serena



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -