Programma POSIT, dall’Italia 5,4 mln di euro per la Palestina

In aiuto della Palestina, l’Umbria invia medici: esperti per curare disabili e invalidi di guerra

euro-butt24 luglio – Il Programma POSIT, finanziato dalla Cooperazione italiana con 5,4 milioni di euro, intende rafforzare il sistema di cure primarie e i servizi di emergenza mediante la fornitura di attrezzature medicali e lo sviluppo delle competenze del personale sanitario con un articolato programma di formazione. L’intervento favorirà l’accessibilità ai servizi essenziali del sistema sanitario palestinese, con particolare riferimento ai servizi ostetrici, alla medicina di famiglia, alla prevenzione e il controllo delle malattie non comunicabili, alla salute della donna e la violenza di genere, la salute mentale e la disabilità.“

L’Umbria è in prima fila per rafforzare la sanità del popolo Palestinese che vive una nuova drammatica guerra con Israele proprio in questi giorni. Saranno inviati medici e paramedici per insegnare le tecniche riabilitative in campo della disabilità oltre che esperti in protesi.

L’Umbria fa parte della Convenzione di collaborazione tra Ministero degli Esteri e altre regioni come Sicilia, Toscana e Campania, sottoscritta questa mattina a Roma, presso la Farnesina, dal Direttore Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Esteri, Giampaolo Cantini.

Le quattro Regioni metteranno a disposizione del programma, che punta a potenziare il sistema di cure primarie per il miglioramento delle condizioni di salute della popolazione della Cisgiordania e di Gaza, risorse professionali provenienti dai rispettivi Servizi Sanitari Regionali, con esperienza specifica in determinati settori di eccellenza (per la Campania la salute mentale; per la Sicilia le malattie croniche; per la Toscana la salute delle donne; per l’Umbria la disabilità).

“In questo progetto – ha affermato Marini – porteremo il nostro patrimonio di esperienze e professionalità utili alla realizzazione del programma di aiuti che si pone come obiettivo primario quello di aumentare la possibilità di accesso dei palestinesi ad un sistema sanitario più adeguato a dare risposte di salute, in primo luogo per le fasce della prima infanzia e dell’adolescenza particolarmente ampie tra questa popolazione”.

.perugiatoday.it



   

 

 

2 Commenti per “Programma POSIT, dall’Italia 5,4 mln di euro per la Palestina”

  1. Qui l’unica cosa che ho capieto è: che da noi la sanità viene puntualmente bersagliata dai tagli ( Udine: per prenotare una visita cardiologica, endocrinologica, pneumologica etc etc…si tocca un picco di attesa che arriva fino a 2 anni per le non urgenze. Ma la mia domanda è: se il medico di base mi dice ti vedo strana facciamo queste visite e i tempi di attesa sono quelli citati sopra, come posso sapere se sono realmente malata? in pratica sei costretto ad andare privatamente…Oh era quello che volevano…nel momento in cui dovesse succere a me una cosa simile, denuncerò lo Stato e l’ospedale, io sono una dipendente che è obbligata a pagare il SSN)…Quindi ecco dove vanno a finire i NOSTRI SOLDI!!! Noi possiamo morire che lo Stato se ne fotte ( anzi, pensa meno gente meno soldi per pensione)

  2. Che Bravi… e i norti ospedali, costruiti ed abbandonati, i nostri invalidi,i terremotati, gli sfrattati ..tutti gli Italiani che soffrono, cosa devono fare, andare in palestina per essere aiutati??? Cui prodest ?? Chi Magna..??

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -