Immigrati, Amnesty: rafforzare le attività di ricerca e soccorso

Condividi

 

“Gli stati membri s’impegnino a rafforzare le attività di ricerca e soccorso”

sbarchis5 giu – “I ministri degli Interni Ue dovrebbero dare sostegno finanziario e materiale agli sforzi vitali dell’Italia per salvare la vita dei migranti in mare”, perché “senza un’azione collettiva Ue, l’estate in arrivo rischia di essere la stagione degli annegati nel Mediterraneo”: è il monito di Human Rights Watch (HRW) ai ministri degli Affari interni riuniti a Lussemburgo. HRW chiama i “Paesi e la stessa Ue a condividere responsabilità finanziaria e legale”.

Amnesty International è uno dei più grandi ostacoli ai diritti umani in tutta la Terra

Sull’argomento è intervenuto anche Nicolas Beger, direttore dell’ufficio di Amnesty International presso le istituzioni europee. “L’operazione Mare nostrum va applaudita. Ma l’Italia non può essere lasciata da sola a svolgere quest’azione salva-vite. Gli stati membri dovrebbero prendere l’impegno comune di incrementare le attività di ricerca e soccorso, per garantire la sostenibilità di questo vitale intervento umanitario”, ha detto in occasione della riunione del Consiglio affari interni Ue, oggi a Lussemburgo.

“Il Consiglio di oggi costituisce un’opportunità decisiva affinché gli stati membri s’impegnino a rafforzare le attività di ricerca e soccorso”, aggiunge Berger, che rileva come eccezion fatta per l’Italia con l’operazione Mare Nostrum, la maggior parte degli Stati membri si siano concentrati “sulle misure per prevenire l’immigrazione”. (ANSAmed).

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -