Monti: Obama chiamava spesso. Fmi e Soros insistevano perchè l’Italia chiedesse un salvataggio

soros

 

30 apr – Durante i mesi più difficili della crisi nei quali si è trovato ad agire il governo guidato da Mario Monti, “il presidente Obama chiamava piuttosto spesso per sapere cosa stesse accadendo in Italia e nell’eurozona”. Lo dice in un’intervista al Wall Street Journal l’ex premier, aggiungedo che il presidente Usa, “specialmente in un anno elettorale”, non poteva “permettersi” un’esplosione della zona euro. L'”agenda” del governo, spiega ancora Monti al Wsj, era di “impedire ” che l’Italia “diventasse come la Grecia”.

montiL’ex premier ricorda che “a partire da Novembre (2011, ndr) la Germania, l‘Fmi e investitori privati come George Soros (chiamato “filantropo” dai radicali italiani) invitavano con forza l’Italia a fare richiesta per qualche forma di salvataggio. Io dissi ‘assolutamemnte no’. Perché dovevamo mobilitare il Paese affinché accettasse dure riforme strutturali e di austerità”.

“Arrivai a Roma come qualcuno proveniente da Marte -ricorda ancora Monti- Avevo un grande vantaggio: non ero legato ad alcuna rete di ‘potere grigio’. Ma avevo il grande svantaggio di essere un outsider. Mia moglie ed io praticamente non fummo mai invitati a una cena a Roma. Eravamo visti come oggetti estranei, il che era piuttosto un bene, per salvaguardare la nostra indipendenza”, conclude l’ex premier.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -