India, ministro difesa: «Nessun cedimento, marò processati secondo le nostre leggi»

maro

 

23 febbr -23 feb. – Sul caso dei maro’ “non ci saranno compromessi. Non abbiamo intenzione di retrocedere in nessun modo nel caso”: ad affermarlo e’ stato il ministro della Difesa indiano, Ak Antony, secondo quanto riferisce l’emittente Ndtv.
“Andremo avanti in base alle leggi indiane”, ha aggiunto il ministro parlando con i cronisti a Kochi, nel Kerala. Il ministro rispondeva a una domanda sull’atteggiamento del governo verso il caso; in particolare gli era stato chiesto se ci fosse stato un ammorbidimento della posizione in relazione all’applicabilita’ o meno del cosiddetto Sua Act, la legge anti-terrorismo. Secondo il Times of India, il governo di New Delhi ha deciso di abbandonare la richiesta del Sua Act e di ricorrere al codice penale ordinario indiano. L’ultima parola spetta comunque al presidente della Corte Suprema, il giudice B.S.
Chauhan, che si pronuncera’ lunedi’.
Ieri, poco dopo l’insediamento a Palazzo Chigi, il premier Matteo Renzi aveva telefonato ai due maro’. “Ho appena parlato al telefono con Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. Faremo semplicemente di tutto”, aveva annunciato su twitter. Anche Roberta Pinotti, neo-ministro della Difesa, aveva confermato che la vicenda dei due fucilieri e’ una delle priorita’ dell’esecutivo. I maro’ “sono il primo pensiero, la prima preoccupazione che dobbiamo avere”, aveva sottolineato.
(AGI)



   

 

 

1 Commento per “India, ministro difesa: «Nessun cedimento, marò processati secondo le nostre leggi»”

  1. Ogni giorno che rimangono in India,..dieci indiani……….a casa !!!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -