L’Aquila: il terremoto arricchì la cognata di Cialente, 547mila euro di rimborsi

cialente

12 genn – L’AQUILA  -C’è chi rideva, c’è chi ha perso mogli, mariti, figli, padri, madri. E c’è anche chi col terremoto del 2009 ha fatto bingo. Capita così che Tiziana Ussorio, cognata del sindaco Massimo Cialente, sia riuscita quasi a triplicare i soldi spesi per acquistare una casa nel 2004, grazie alla generosità di quel Comune che adesso pretende gli affitti dai poveri cristi che ancora alloggiano nel Progetto Case. E chissà quanto ci rimarranno, considerando l’aria che tira in quanto a ricostruzione.

La signora Ussorio, dunque, nel 2004 acquista un immobile in via Luigi Sturzo, pagandolo 180mila euro. La Banca di Credito cooperativo di Roma le concede un mutuo di 130mila euro. Quella notte maledetta del sei aprile 2009 la città dell’Aquila viene giù per un terremoto di magnitudo 6.3 e la casa della signora Ussorio, come tante altre, è completamente distrutta.

Nel 2010 la donna chiede allo Stato di subentrare nel debito residuo e vende alla Fintecna l’unità immobiliare. Nel frattempo è intervenuta una stima dell’Agenzia del territorio che fissa in 163mila euro il valore dell’immobile. La Fintecna, quindi, versa 126mila euro alla Banca per estinguere il mutuo (in 5 anni ha pagato solo 4000 euro?) e altri 36mila euro alla cognata di Cialente.

Ma non è tutto. Nonostante sia stata sostanzialmente risarcita della perdita, la Ussorio si presenta al Comune dell’Aquila e chiede un contributo per acquistare una nuova abitazione. La domanda risale al 30 giugno del 2011. Pronta la risposta del Comune che in un batter di ciglia le concede un contributo di ben 385mila euro, contraddicendo la prima valutazione dell’ex Ute.

Per lo stesso immobile, dunque, la cognata del sindaco ha ottenuto prima il rimborso da parte di Fintecna, poi il contributo, ben più sostanzioso, da parte dell’amministrazione. Ma non è tutto. No, perché la signora Ussorio non è affatto contenta dei soldi ricevuti, e visto che non ritiene congrua la valutazione del Comune presenta un ricorso al Tar Abruzzo. Vuole avere 615mila euro. il Comune è quindi costretto a costituirsi.

«Dalla ricostruzione dei fatti – si legge nella memoria di costituzione che l’avvocato del Comune Domenico de Nardis presenta – emerge come dalle operazioni descritte l’odierna ricorrente ha tratto un indubbio vantaggio. In buona sostanza, nell’arco di un tempo molto breve, il valore dell’immobile si è praticamente triplicato, quindi non si comprende per quale motivazione la ricorrente non si ritenga soddisfatta dei contributi riconosciuti». In fondo, commenta sarcastico l’avvocato de Nardis, «è bene rammentarlo, ha subìto un terremoto, e non vinto alla lotteria».

Angela Baglioni   il tempo



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -