Immigrazione: boom di rumeni, ucraini e moldavi

rumeni23 dic – In Italia, gli stranieri censiti nel 2011 provengono da ben 196 paesi ma oltre la meta’ e’ originaria di soli cinque paesi; inoltre le collettivita’ dei primi venti paesi rappresentano quasi l’82% della presenza straniera totale. I cittadini rumeni, con oltre 820 mila censiti, sono un quinto del totale, seguiti dai cittadini albanesi, marocchini, cinesi e ucraini. Quest’ultimi, insieme ai moldavi, sono quelli la cui presenza e’ maggiormente cresciuta nell’arco di un decennio.

Lo rileva l’Istat che ha diffuso oggi i nuovi dati definitivi del 15* Censimento generale della popolazione e delle abitazioni, disaggregati fino a livello comunale. Rispetto alla tornata censuaria del 2001, gli aumenti piu’ consistenti in valore assoluto sono tra i cittadini rumeni (che passano da 74.885 a 823.100), seguiti da quelli albanesi, marocchini e cinesi (complessivamente circa 650mila in piu’). Gli incrementi percentuali piu’ consistenti sono, invece, quelli che si registrano per le persone provenienti dalla Moldavia, che da poco piu’ di 4 mila stranieri censiti nel 2001 passa agli oltre 130 mila del 2011, e dall’Ucraina, che da 8.647 residenti del 2001 raggiunge, nel corso del decennio, quasi 180 mila residenti.

La composizione per genere mostra un significativo sbilanciamento a favore delle donne per i cittadini stranieri originari dell’Europa dell’Est, in particolare per quelli provenienti da Ucraina, (79,5% di donne), Polonia (73,9%) e Moldavia (66,6%). Di contro, e’ emersa una forte prevalenza maschile per le collettivita’ africane e asiatiche piu’ presenti in Italia, quali Senegal (73,1% di uomini), Bangladesh (66,9%), Egitto (64,8%) e Pakistan (62,5%). Nella collettivita’ cinese si riscontra un sostanziale equilibrio tra maschi e femmine.

Quattro stranieri su dieci hanno un’eta’ compresa tra 20 e 39 anni (42,7%). Gli under 19 costituiscono il 25,5% del totale, con una punta massima del 33,7% fra i residenti provenienti dall’africa settentrionale. La giovane eta’ caratterizza anche gli stranieri provenienti dall’Asia (28,6%). Al contrario, quelli di origine europea e latino-americana, che hanno una struttura per eta’ pressoche’ analoga, sono piu’ presenti nelle classi adulte.



   

 

 

1 Commento per “Immigrazione: boom di rumeni, ucraini e moldavi”

  1. Venite venite pure c’è posto per tutti e non portatevi nulla che gli usurpatori politici vi daranno vitto alloggio soldi eventuale abitazione, che b……i !!!

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -