Ospita una marocchina in casa, 85enne massacrato di botte e rapinato

Legato, massacrato di botte e rapinato da una marocchina: anziano in prognosi riservata. L’uomo, 85 anni, trovato dalla polizia con gli indumenti intrisi di sangue. In questi giorni, personale del Commissariato di P.S. Fidene Serpentara ha eseguito un Fermo di Indiziato di Delitto per tentato omicidio e rapina emesso dal Pubblico Ministero nei confronti di C. K., classe ‘83, irregolare sul territorio nazionale.

Il pomeriggio del 20 giugno 2019, una volante della Polizia di Stato è intervenuta in via Val D’Ala dove ha trovato un anziano di anni 85 riverso in terra, legato mani e piedi con del nastro adesivo in stato di semi coscienza, con evidenti ecchimosi e versamenti ematici sia sugli arti superiori sia sul viso, a seguito delle violente percosse subite e con gli indumenti intrisi di sangue. L’uomo è riuscito a fatica a riferire al personale intervenuto che la sera precedente la marocchina, a seguito di una lite, lo aveva immobilizzato e lo aveva picchiato violentemente, anche con l’uso di un bastone, per poi legarlo con del nastro su di una poltrona.

La vittima ha poi comunicato agli agenti che la donna occupava, da circa tre mesi, una stanza del suo appartamento. La donna, dopo aver asportato una somma in denaro di circa 380 euro, è fuggita e l’anziano è stato ricoverato presso l’Ospedale Sandro Pertini, in prognosi riservata dove, oltre alle contusioni multiple subite, è stato accertato l’avanzato stato di disidratazione, dovuto all’immobilità protrattasi per un’intera giornata che, se prolungata, ne avrebbe cagionato la morte. Prontamente la polizia ha attivato i competenti canali di cooperazione nazionale ed internazionale al fine di evitare la fuga della straniera dal territorio nazionale.

L’attività d’indagine, coordinata dal Pool Reati Gravi contro il Patrimonio diretta dal Procuratore Aggiunto dr.ssa Lucia Lotti, ha permesso di localizzare la presenza della C. K., nel quartiere del tuscolano ad alta densità abitativa. La donna è stata prontamente riconosciuta dagli agenti, già in possesso di una sua fotografia, e sottoposta a fermo di Polizia Giudiziaria.

www.affaritaliani.it

Ravenna: Ok al progetto per ospitare un rifugiato in casa

A Ravenna sarà possibile, per i cittadini che lo desiderano, aprire le porte di casa ad un rifugiato. Parte ufficialmente in città il progetto Dall’esperienza al modello: l’accoglienza in famiglia come modello di integrazione di cui il Comune di Ravenna è partner, all’interno di una rete nazionale guidata dall’associazione Refugees Welcome Italia, che dal 2015…

Forlì: coppia italiana ospita nordafricano, rissa furiosa in casa

“L’ospite è come il pesce: dopo tre giorni puzza” recita un vecchio proverbio e, a saperna qualcosa, è stata una coppia di italiani che, da qualche giorno, ospitava nella loro abitazione un nordafricano 38enne. Evidentemente la convivenza era diventata burrascosa tanto che, fra i tre, nella serata di venerdì è scoppiata una furiosa rissa. A…

anziani ricoverati dopo il vaccino
88enne pestata senza motivo da romeno che ospitava in casa

A picchiarla, secondo quanto ricostruito dai Carabinieri, è stato un 38enne di origine romena che da qualche tempo abita con l’anziana e con suo figlio

Anziana ospita un migrante in casa, lui la deruba

il 40enne del Gambia denunciato dalla squadra mobile di Modena per aver derubato la donna, sottraendole il bancomat

 

Condividi