Le forniture pazze della Camera. In sei mesi spesi 110 milioni

boldrini39 nov – Il re dei fornitori è ancora lui. Nonostante i ripetuti tentativi di tagliare le laute fatture che nel corso degli anni gli sono state pagate, l’immobiliarista Sergio Scarpellini vanta ancora i più ricchi contratti con la Camera dei deputati. E si tratta di un’autentica giungla. Nei primi sei mesi del 2013, in attesa che l’annunciata razionalizzazione dei costi produca effetti, Montecitorio aveva in essere circa 700 tra forniture e consulenze, pagate nello stesso lasso di tempo 110 milioni di euro. Volendo fare una media, parliamo di 157 mila euro a contratto. Per carità, si tratta di rapporti in gran parte ereditati. Resta il fatto che pur negli sforzi di contenimento fatti negli ultimi anni, e nonostante i risultati raggiunti, sembra che la Camera, oggi guidata da Laura Boldrini, continui a sostenere spese particolarmente consistenti. Nel primo semestre di quest’anno, per esempio, se ne sono andati 14,3 milioni in servizi informatici, 3,3 milioni in servizi di pulizia, 6,5 milioni in manutenzioni, 4,2 milioni in ristorazione, 5,1 milioni per la stampa degli atti parlamentari, 2,4 milioni per le agenzie di informazione e così via. Non mancano le sorprese. La Camera, per esempio, paga pure il Patriarcato di Antiochia dei Siri per affittare uffici. Naturalmente all’interno di tutto questo calderone di spese spiccano alcune società che la fanno da padrone, conquistando le fette più consistenti della torta complessiva delle forniture di Montecitorio.

Il primato
Anni fa era stato definito il “palazzinaro della casta”. Del resto l’immobiliarista Sergio Scarpellini, attraverso la sua Milano 90 srl, a un certo punto era arrivato a detenere nel centro di Roma quasi tutti gli immobili affittati alle istituzioni. Il suo dominio ha cominciato a vacillare, sull’onda delle polemiche contro la casta, quando presidente della camera era Gianfranco Fini. Alcuni lucrosi contratti d’affitto sono stati interrotti. Ma dall’ultimo dettaglio riferito ai primi sei mesi del 2013, Scarpellini è tutt’ora il fornitore più ricco di Montecitorio. In sei mesi la sua società ha preso dalla Camera 23,2 milioni per la locazione degli uffici, 14,2 milioni per servizi accessori alle locazioni, 242 mila euro per servizi di pulizia, 1 milione e 63 mila euro per servizi di ristorazione e 2 mila euro per l’organizzazione di conferenze. In tutto fanno la bellezza di 38 milioni e 707 mila euro, in effetti la magna pars della spesa complessiva sostenuta da Montecitorio.

Il business degli atti
Dietro Scarpellini ci sono tante altre imprese. Che dire, per esempio, della Stabilimenti tipografici Carlo Colombo? Ebbene, sempre nello stesso lasso di tempo la società ha incassato 5 milioni e 139 mila euro per la stampa di atti parlamentari, 785 mila per spese di accesso gratuite via internet alla biblioteca della Camera e 2 milioni e 724 mila euro per la produzione di atti e documenti parlamentari. E con queste cifre la Stabilimenti tipografici Carlo Colombo lascia a distanza siderale le altre aziende fornitrici dello stesso settore.

L’informatica
Dopo i contratti firmati con Scarpellini, la parte più ricca delle forniture di Montecitorio riguarda l’informatica. Per questo settore la Camera ha speso in sei mesi 14,3 milioni di euro. Tra gli assegni più ricchi spiccano quello da 3,5 milioni staccato a beneficio della Intersistemi Italia spa, quello da 1 milione e 33 mila euro per la Engineering Ingegneria Informatica spa e i 976 mila euro pagati alla Capgemini Italia.

Maurizio Grosso per  la notiziagiornale



   

 

 

3 Commenti per “Le forniture pazze della Camera. In sei mesi spesi 110 milioni”

  1. alla faccia della spending rewieu

  2. salvatore caforio

    se serve un consulente per diminuire queste spese pazze mi offro io volentieri e lo farei solo per il mio rimborso spese e uno stipendio di 3000/mese!

  3. Eccola là! La Madonna immacolata consolatrice degli immigrati

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -