Saccomanni: per le famiglie ci sono sgravi fiscali. Cgia: falso

MINISTRO ECONOMIA E FINANZE FABRIZIO SACCOMANNI/SPECIALE

3 nov – Le famiglie sono ”al riparo da significativi incrementi di imposta” mentre ”sono oggetto di sgravi fiscali”. Complessivamente, si legge in una nota del Tesoro, ”le famiglie dovrebbero beneficiare di una riduzione della pressione fiscale di circa 1 miliardo di euro” a seguito delle misure comprese nella legge di Stabilità.

“Le famiglie al riparo da aumenti” – Per la prima volta negli ultimi anni, spiega il Ministero dell’Economia, ”la manovra finanziaria riduce la pressione fiscale di un decimo di punto percentuale (da 44,3 a 44,2% del Pil) segnando una inversione di tendenza: obiettivo prioritario del Governo è di ridurre le tasse e la diminuzione della pressione fiscale sarà più marcata negli anni successivi (43,7% nel 2016, che potrebbe diminuire ulteriormente grazie alla revisione della spesa recentemente avviata)”. Le famiglie ”sono quindi tenute al riparo da significativi incrementi di imposta (sono solo parzialmente interessate dall’aumento dell’imposta di bollo su conti deposito titoli e altri strumenti finanziari e dalla revisione delle detrazioni) mentre sono oggetto di sgravi fiscali (1,5 miliardi di maggiori detrazioni IRPEF) e di un intervento in favore dei comuni pari a 1 miliardo teso a ridurre l’impatto delle imposte sugli immobili.

Riduzione da un miliardo – Complessivamente le famiglie dovrebbero beneficiare di una riduzione della pressione fiscale di circa 1 miliardo”. Allo stesso tempo, ”l’incremento del gettito fiscale prodotto dalla manovra finanziaria nel 2014 è pari a 973 milioni. A questo incremento di gettito contribuiscono prevalentemente misure che riguardano gli intermediari finanziari (2,6 miliardi) e altre misure di carattere volontario come la rivalutazione delle partecipazioni e dei beni delle imprese”.

[dividers style=”2″]

 La Cgia di Mestre insiste: ci saranno ricadute sulle famiglie

Difende il proprio studio sull’impatto economico prodotto dalla Legge di Stabilita’ la Cgia di Mestre e risponde alle dichiarazioni rilasciate dal governo e in particolare dal vice ministro dell’Economia Stefano Fassina secondo il quale l’impatto economico si rileverà solo per le banche. In particolare oggi Cgia in una nota, segnala che ieri aveva riportato con evidenza e precisione che l’aggravio fiscale più importante interesserà gli istituti di credito.

“Analizzando le singoli voci notiamo che tra le maggiori entrate spiccano i 2,6 miliardi di euro relativi alle svalutazioni dovute alle perdite dei crediti – aveva indicato la Cgia – Si tratta di maggiori entrate legate al mutamento delle regole che disciplinano il trattamento fiscale delle perdite e delle svalutazioni dei crediti delle banche e delle imprese che operano nel settore finanziario e assicurativo. Le novità normative permetteranno in futuro di ottenere dei risparmi di imposta, consentendo a queste imprese di dedurre le perdite in cinque anni”.

Ricadute su famiglie – Per Cgia “è molto discutibile sostenere che l’aumento del prelievo fiscale sulle banche non darà luogo a nessuna ricaduta sulle famiglie e sulle imprese. Anche se si aumentano le tasse solo alle banche, sempre tasse sono e gli effetti negativi sui correntisti rischiano di essere molto pesanti”. Le tasse, ricorda la Cgia, si possono traslare: in questo caso percuoteranno le banche, ma potranno incidere anche sui portafogli dei cittadini.

“Sono convinto – dichiara il segretario della Cgia Giuseppe Bortolussi – che il Governo sta lavorando bene e in questo momento è l’unico esecutivo in grado di guidare il Paese. La precisazione del Vice Ministro Stefano Fassina è sicuramente opportuna, se avesse avuto modo di leggere in nostro comunicato e le tabelle allegate avrebbe capito che queste cose le avevamo già dette noi”



   

 

 

1 Commento per “Saccomanni: per le famiglie ci sono sgravi fiscali. Cgia: falso”

  1. Sig. Saccomanni quando fate le dichiarazioni almeno prima di parlare mettetevi d’accordo Lei e Letta, in quanto Lei dice una cosa e Letta ne dice un’altra, ma perché prendete sempre per i fondelli i Cittadini????.

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -