Deontologia: non piu’ “obiezione di coscienza”, ma “rifiuto di prestazione”

medicina23 OTT – Nessuna limitazione alla possibilità di esercitare l’obiezione di coscienza, nè eliminazione del Giuramento di Ippocrate nel nuovo codice deontologico medico che vedrà la luce nel 2014: ad assicurarlo è Amedeo Bianco, presidente della Federazione degli ordini medici (Fnomceo), in un’intervista pubblicata sul sito dell’ente.

Peccato però che nella nuova definizione “rifiuto di prestazione” la coscienza venga eliminata e nella parola “rifiuto” sia anzi insita una certa colpevolizzazione del medico che non accetti di praticare una data prestazione, per esempio l’aborto. Quindi il medico che obietta su alcune pratiche non sarà piu’ considerato come professionista che fa una scelta etica, ma come uno che rifiuta di fare il suo dovere, stabilito con nuovi criteri.

L’ultima revisione risale al 2006, ma adesso serve rimetterci mano comunque, vista l’evoluzione dei progressi delle scienze biotecnologiche e i bisogni di salute, continua Bianco. ”Se in questi sette anni, nulla di nuovo e importante fosse accaduto – rileva – chi dice che è troppo presto avrebbe ragione”. Il processo di revisione non sarà riservato ”a poche elite, anche se investite da ruoli istituzionali – precisa – a cui competerà alla fine decidere, ma solo al termine di un confronto aperto e partecipato”. Il voto finale è previsto per la primavera 2014.

Quanto alle preoccupazioni ”su una presunta contrazione del diritto all’obiezione di coscienza (che nella nuova bozza si propone di definire ‘rifiuto di prestazione’) – commenta Bianco – mi sembrano ingiustificate. Tutta la riflessione deontologica di questi ultimi anni ha, al contrario, rafforzato il principio di autonomia e responsabilità del medico, principio con fermezza stabilito e fissato nel ‘Documento di Terni’. Non sarà certo l’uso nel testo di una ‘e’ al posto della ‘o’, nel congiungere o disgiungere scienza e coscienza, a minare tali principi, ben saldi nelle nostre convinzioni”.

Infine, sul Giuramento di Ippocrate, Bianco assicura che ”i nostri giovani medici continueranno a pronunciare il giuramento professionale, nella nuova formulazione già allegata al Codice del 2006: nella nuova proposta – conclude – il dovere è spostato sul rispetto dei principi oggetto di giuramento, la cui violazione costituirà rilievo disciplinare”.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -