74enne bastonato e minacciato con coltello da immigrati che gli occupano la casa

anzianoRAGUSA , VITTORIA 18 ott – Violenza privata, lesioni personali, ricettazione e porto in luogo pubblico di oggetti atti ad offendere. Sono i reati di cui si sono macchiati due immigrati che avevano pensato bene di occupare abusivamente una casa estiva, sita sul lungomare di Scoglitti, di proprietà di un 74enne. La vicenda, che ha dell’incredibile, è iniziata due mesi fa, quando il vittoriese ha trovato il suo piccolo immobile occupato da due extracomunitari.

Impietosito dalla storia dei due inquilini abusivi, ha deciso di tenerli lì, di continuare ad ospitarli, anche perché era stato rassicurato che la permanenza dei due nordafricani sarebbe stata breve, in attesa che si ricongiungessero il nucleo familiare e trovassero un’altra abitazione. Dopo due mesi, però, i due stranieri erano ancora in quella casa, senza intenzione di lasciarla.

Per giunta, alla richiesta del proprietario di liberare la casa, gli «ospiti» hanno ribadito che non avevano alcuna intenzione di andare via. Un «no» pronunciato in maniera minacciosa, con l’avvertenza che se il proprietario avesse chiamato la Polizia la casa sarebbe stata bruciata. Come prova della serietà della minaccia, una bastonata che uno dei due stranieri ha affibbiato allo sventurato pensionato, costretto a fuggire ferito e velocemente alla vista di un coltello puntato alle spalle. In ospedale i sanitari lo hanno giudicato guaribile in 4 giorni di prognosi.

Poi è intervenuta la Polizia, presso l’immobile, ancora occupato dagli stranieri. Uno dei due stranieri è riuscito a scappare. L’altro è stato bloccato, K. A. S., 26 anni, bracciante agricolo, con tanto di permesso regolare. E’ stato denunciato a piede libero e deve rispondere dei reati sopracitati.

CORRIERERAGUSA



   

 

 

8 Commenti per “74enne bastonato e minacciato con coltello da immigrati che gli occupano la casa”

  1. bastardi se la prendono con gli anziani che li aiutano

  2. per evitare che queste violenze brutali si ripetano, dobbiamo stilare un elenco di cotanti accoglitori di disperati, dobbiamo fornire ad ogni immigrato un elenco, a seconda della zona, delle sedi dei sindacati, dei partiti pro accoglienza, della casa del Ministro Kyenge e Boldrini che, per non mancare di fornire il buon esempio, non li respingeranno ma provvederanno al loro vitto ed alloggio a proprie spese

  3. Non succederà nulla .purtroppo,quello arrestato sarà scarcerato a breve………il povero pensionato potrebbe essere accusato di “razzismo”.

  4. Prima lo minacciano che se chiama la polizia gli bruciano la casa, e poi uno se lo fanno scappare e l’altro è denunciato a piede libero?
    Se gli va a fuoco la casa a chi deve dire grazie? A chi li ha lasciati in giro?

  5. siamo in uno stato anarchico, un paese incivile senza leggi dove i deliquenti possono fare quello che vogliono, picchiare, stuprare, ammazzare, non possiamo neanche difenderci da questa orda di immigrati clandestini che all’80% sono criminali senza pietà alcuna. Lo vediamo ogni giorno cosa fanno. La kyenge ha detto: che bisogna educare gli Italiani alla cultura loro???? quale cultura???? non sanno neanche minimamente cosa voglia dire la parola cultura. Se qui in Italia non cambia la musica di questo governo anarchico, ci troveremo presto in mezzo alla merda più totale. Gli Italiani si sono rotti la schiena lavorando e pagando le tasse e questa orda di buoni a nulla prendono 45 euro al giorno + vito e alloggio e non sono contenti.

    • Sono pienamente d’accordo, aggiungerei che i delinquenti sono protetti e le persone civili e per bene diventano delinquenti, adesso addirittura ne usciranno a migliaia di delinquenti che contribuiranno a insegnare come delinquere che tanto ogni un paio di anni daranno il condono e la grazia, l’unica cosa che mi rincuora un po’ che almeno nel mucchio possano uscire almeno gli innocenti per d’avvero

  6. ..Simpatico quel ” a piede libero “, libero, sì, di scappare quando e dove vuole,per poter ricominciare alla prossima occasione…

  7. …ma perché mai in Italia, detenere regolarmente un arma in casa per potersi adeguatamente difendere dai criminali che non si presentano certamente con un mazzolin di fiori in mano, deve essere tanto difficoltoso o impossibile ? Un gioielliere PUO’ detenere un’arma per difendere la sua PROPRIETA’ in caso di un assalto criminale, mentre un cittadino qualunque che di proprietà ha solo la SUA VITA , deve perderla perché le nostre assurde leggi non lo permettono ! Puah ! Evidentemente esiste ancora il concetto di PLEBE, senza diritti ma con tanti doveri !!

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -