Roma: centinaia di cittadini inviperiti protestano contro i nomadi

nomadi30 set – ”La riscossa dei romani e’ partita da Ponte di Nona. Il sistema nomadi non e’ piu’ tollerabile e a Ponte di Nona centinaia di cittadini, inviperiti dalle angherie subite e disillusi dal senso di impunita’ che aleggia, sono scesi in piazza per rivendicare il loro diritto a poter vivere serenamente il proprio quartiere, senza occupazioni abusive, degrado e fumi tossici.

Erano presenti famiglie con bambini, cittadini onesti che si sono dissanguati per poter acquistare la loro casa e che hanno voluto protestare perche’ indifesi dalle Istituzioni”, cosi’ dichiara in una nota Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio e componente della commissione Ambiente, che ha partecipato, ieri, alla manifestazione in Piazza Attilio Muggia indetta dall’Associazione Volontari per la Sicurezza (AVS) e dalla cittadinanza residente della Nuova Ponte di Nona.

”Ho gia’ avuto modo di richiedere alla commissione ambiente della Regione di convocare il Nucleo Operativo Ecologico dell’Arma dei Carabinieri al fine di bloccare alla radice le fonti attrattive che acquistano rame e ferro con l’obiettivo di stroncare l’illegalita’ legata al fenomeno delle fonderie abusive che, in tanti quartieri di Roma, sta prendendo il sopravvento. Ora pero’ chiedo urgentemente al Prefetto e al Sindaco di convocare un Comitato per l’Ordine e la Sicurezza che affronti specificatamente il fenomeno del mercato illegale del ferro in citta”’, prosegue Santori.

La tensione sociale e’ molto alta, cosi’ come l’esasperazione dei romani. La politica e le amministrazioni devono far fronte da subito alle angherie subite dai cittadini, e la proposta di legge che ho avuto modo di presentare alla Regione sui rimpatri coatti, attraverso l’accompagnamento nei loro Paesi d’origine, di chi commette reati, compresi quelli ambientali, e occupa abusivamente va proprio in questa direzione. Senza le espulsioni immediate non affronteremo mai seriamente, con efficacia e senza sprechi, il sistema nomadi. Tutti i campi abusivi nascono con il mancato rispetto dell’art. 633 del Codice Penale, nessuna pena e’ stata mai infatti comminata ai nomadi nella loro sistematica tendenza ad occupare arbitrariamente terreni altrui, pubblici o privati che siano”, conclude Santori. asca



   

 

 

3 Commenti per “Roma: centinaia di cittadini inviperiti protestano contro i nomadi”

  1. Vediamo se finalmente i cittadini italiani , visto che le Istituzioni sono paralizzate, si svegliano e chiedono con fermezza e veemenza il rimpatrio immediati di tutti questi scellerati che bivaccano, sporcano, stuprano, accattonano e delinquono in BMW. Italiani alla riscossa !!!!!

    • Speriamo che la corda si rompa e che tutti protestino prima dal sindaco e dalla giunta e poi nelle piazze delle città.

  2. Sono pienamente d’accordo.

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -