Siria, Arabia Saudita invia 1.300 condannati a morte a combattere per i ribelli

arabi

13 sett – Tutti i 1300 prigionieri sono stati condannati a morte per omicidio, stupro e traffico di droga

Riyadh. Arabia Saudita ha inviato in Siria quasi 1.300 condannati a morte per combattere contro l’esercito del presidente Bashar al-Assad. Secondo il suo sito web del giornale USA Today, nel mese di aprile di quest’anno, il Ministero degli Affari Interni dell’ Arabia Saudita ha offerto a 1.239  condannati a morte il perdono e un pagamento mensile  in contanti per le loro famiglie in cambio della partecipazione ai combattimenti in Siria.

L’articolo fa notare che tra i prigionieri inviati a combattere contro il regime di Assad, ci sono cittadini di Afghanistan, Egitto, Iraq, Giordania, Pakistan, Somalia, Sudan, Siria, Kuwait e Yemen. Tutti sono stati condannati in Arabia Saudita alla pena di morte per omicidio, stupro e traffico di droga. http://www.sedmitza.ru/text/4053224.html

Chi paga l’intervento Usa in Siria? Kerry: «Qatar e Arabia Saudita»

Russia: l’opposizione siriana è forza paramilitare composta da 65mila mercenari arabi

Monti: riconosciamo i ribelli siriani, piena legittimità a CNS

Siria: Interferenza criminale di Medici Senza Frontiere a fianco dei terroristi

Ad Aleppo massacri compiuti da mercenari, assoldati da terroristi islamici radicali

Cosa chiedono Usa, Qatar e Turchia all’opposizione siriana

 

 



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -