Egitto: croce appesa allo specchietto, tassista cristiano decapitato in piazza

taxi28 ago – Tratto da Asianews Le fonti di AsiaNews affermano che «le storie raccontate dalle vittime degli attacchi sono agghiaccianti e appesantiscono i cuori di tutta la popolazione egiziana». Una di esse riguarda Mina Rafaat Aziz, tassista di Alessandria, massacrato in piazza solo perché cristiano. Il ragazzo, poco più che ventenne, è stato ucciso lo scorso 16 agosto da una folla di islamisti scesa in strada dopo le notizie degli attacchi contro i sit-in del Cairo.

In un video amatoriale girato da un residente si vede una folla di persone che blocca le auto, controllando i passeggeri al loro interno. Anche il taxi di Aziz viene fermato. Uno dei manifestanti nota una croce appesa allo specchietto. In poco tempo il giovane viene trascinato fuori e preso a calci, pugni e bastonate finché non muore. Gli estremisti infieriscono per diversi minuti sul corpo senza vita del ragazzo con sputi e calci. L’esecuzione termina con la decapitazione del cadavere, che viene abbandonato sul marciapiede.

Condividi l'articolo

 



   

9 Commenti per “Egitto: croce appesa allo specchietto, tassista cristiano decapitato in piazza”

  1. Cara Mary e Caro Giulio andate in quei paesi prima di parlare e viveteci almeno per una settimana poi ne parliamo.
    Tutti siamo bravi a parole!!

  2. Cari Rinaldo e Giulio, ma vi rendete conto di quello che dite? Siete intolleranti verso chi è diverso da voi…proprio come la folla che ha ucciso il tassista! Una cosa intelligente che potevate fare era tacere ma, per vostra sfortuna, avete deciso di sparare cazzate!

    • Caro Alessandro,é l´ignoranza Assoluta in materia che ti fa parlare cosí.Guarda che sta succedendo in Belgio,cosa pretendono gli islamisti(e non solo i radicali).É in atto un tentativo di islamizzare piú paesi possibile el´Italia sta correndo seri rischi in merito.Gli islamisti non sono tolleranti come noi,considerandoci PORCI,quando sono sicuri che noi non possiamo sentirli…Queste notizie le ho di prima mano,ho avuto modo di parlare con ragazzi e ragazze giovani che non vorrebbero vivere cosí com´é IMPOSTO loro dalle famiglie e mi Hanno raccontato Cosa professano certi Imam,nelle Moschee e fuori.Questo buonismo,da parte di gente come te e alcuni idioti che leggo in questi post saranno la rovina dei nostri figli,dei nostri paesi…

  3. l’islam è una setta di assassini criminali…. altro che religione… ecco un chiaro esempio di tolleranza islamica!!!

  4. RINALDO DI NINO

    TUTTI I SIGNORI BUONISTI, PERMISSIVI E TOLLERANTI DELLA COSIDDETTA SINISTRA ITALIANA , NE PRENDANO NOTA, PER COMPRENDERE CHE LA CULTURA CHE OGGI ISPIRA LA STRAGRANDE MAGGIORANZA DEI SIGNORI EGIZIANI , NON E’ MOLTO DISSIMILE DA QUELLA DEI SIGNORI MUSSULMANI CHE VIVONO DA NOI.
    SE NE FACCIANO UNA RAGIONE ED AMMETTANO DI AVERE SOTTOVALUTATO FINORA IL PERICOLO ISLAMICO ANCHE PER I MOTIVI SUDDETTI
    L’ISLAM E’ E RESTERA’ INCOMPATIBILE CON I NOSTRI SISTEMI DEMOCRATICI E LIBERALI E PERCHE’ ESSO DEVE SOTTOSTARE ESCSLUSIVAMENTE AL LORO SACRO CORANO ED ALLA LORO SHARI’AH CHE SONO E RIMANGONO DEL TUTTO ANTIDEMOCRATICI.
    CIO’ NESSUN ESPONENTE DELLA SINISTRA ITALIANA OD EUROPEA , LO POTRA’ MAI CONTROBBATTERE VALIDAMENTE CON ELEMENTI CONTRARI VALIDI E SUFFICIENTI.
    PER ONESTA’ INTELLETTUALE, LA SINISTRA DOVREBBE PRENDERNE ATTO ED AGIRE DI CONSEGUENZA , CAMBIANDO ROTTA RISPETTO A QUELLA FINORA TENUTA NEI LORO CONFRONTI ANCHE NEL NOSTRO PAESE E CHE E’ STATA TROPPO PERMISSIVA E TOLLERANTE, SENZA OTTENERE NULLA IN CAMBIO.
    BISOGNA PRENDERE ATTO , INFATTI, CHE L’ISLAM NON HA MAI AVUTO E NON AVRA’ MAI L’INTENZIONE DI INTEGRARSI CON NOI PER I MOTIVI DETTI.
    CUNEO ,LI 28 AGOSTO 2013
    RINALDO DI NINO E FAMIGLIA

    • Sono atti che gridano vendetta al cospetto di dio e alla dignità dell’uomo. INTOLLERABILE. La vita degli altri è SACRA non più della nostra e uccidere per legittima difesa non va contro la dottrina cattolica!

    • Caro Rinaldo, anche se fosse così ci si chiede perché scappare in un paese cristiano? se siamo cristiani di fatto dobbiamo imitare Cristo e non i musulmani…QUESTI SCAPPANO PER DISPERAZIONE (E TI RICORDO CHE MOLTI NOSTRI AVI EMIGRARONO PER POVERTA’ ESTREMA E PER MANCANZA DI LAVORO…) NON POSSIAMO E DOBBIAMO DIVENTARE COME LORO!
      DUNQUE LA TOLLERANZA DI CUI PARLI – CHE NON E’ CERTO SOLO DELLA SINISTRA (…) DEVE NECESSARIAMENTE AVERE DEI LIMITI FACENDO RISPETTARE LA DEMOCRAZIA VIGENTE NEI PAESI DEMOCRATICI. CIO’ IMPLICA L’ACCETTAZIONE DELLA DEMOCRAZIA VIGENTE DA PARTE DEI MIGRANTI. CASO MAI SI MIGLIORI POLITICAMENTE ALCUNE LEGGI RIGUARDANTI I DIRITTI E DOVERI DI COLORO CHE INTENDONO VIVERE QUI, ES. LIMITANDO LA CITTADINANZA A COLORO CHE HANNO UN LAVORO QUI, ALTRIMENTI SI DIA LORO SOLO IL PERMESSO DI SOGGIORNO LIMITATO (…) RICORDO INOLTRE CHE PERFINO ALLAM MAGDI, DICE CHE MOLTI DI LORO SONO CONVERTITI NASCOSTAMENTE PROPRIO PERCHE’ SI RENDONO CONTO DI COSA SIA LA DEMOCRAZIA (ANCHE SE CI SONO VARIE SFACCETTATURE NEI DIVERSI STATI) E DEL TENORE DI VITA E LA LIBERTA’, CHE NONOSTANTE TUTTO ABBIAMO…

      • Luigi Borrelli

        Tante belle parole che però non fanno ritornare in vita quelle povere ragazze uccise proprio dai loro congiunti perché volevano vivere all’occidentale. Quanto tu parli di dare dei permessi di soggiorno a queste persone, bisognerebbe che prima controllare che fossero totalmente integrati in cultura, religione ecc. L’islam non é certo tollerante verso i Cristiani che li vedono come degli infedeli perciò bisgna eliminarli.
        Luigi

  5. Sono fratelli, amiamoli come sono…non sono parole mie!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -