Attali: soddisfazione istantanea dei desideri e matrimoni di gruppo

poliamoreDal denaro al sesso – ormai è chiaro – sono i banchieri che decidono delle nostre vite. Anche dietro la propaganda gay, come dietro le politiche economiche,  ci sono potentissimi manovratori, semi-sconosciuti al grande pubblico, che stanno programmando il nostro futuro da decenni. La UE, con le sue imposizioni, ne aiuta l’attuazione.

Jacques Attali è uno dei padri fondatori dell’Unione europea e dei Trattati europei. Il  “visionario” tecnocrate è un ex banchiere francese, economista di Mitterrand e Sarkozy, grande amico di Massimo D’Alema che, come il sicario economico Georges Soros, gioca anche a fare  il filantropo e il  sociologo, nonché lo scrittore. E’ anche l’ideatore e il promotore del “poliamore“, cioé della nuova forma di poligamia che sarà introdotta in Europa subito dopo che tutti gli Stati avranno approvato le nozze gay. Ecco cosa dice:

28 giu 2013 – Come in un ritorno alle origini, si annuncia una nuova era che porta con sé nuove forme di relazioni tra esseri umani fondate sulla soddisfazione istantanea dei desideri e liberate progressivamente dall’ assillo della riproduzione: si profila il matrimonio contrattualmente provvisorio, in cui la durata del rapporto sarà fissata in anticipo dalla coppia; il poliamore, in cui ciascuno potrà avere in tutta trasparenza più amori allo stesso tempo; la polifamiglia, in cui si farà parte contemporaneamente di più famiglie; la polifedeltà, in cui ciascuno sarà fedele a diversi membri di un gruppo dalle sessualità molteplici.

Quanto ai bambini, vivranno in una casa dove i vari genitori verranno a turno a occuparsi di loro. In un futuro più lontano sessualità, desiderio e amore saranno ancora più facili da dissociare, macchine speciali si occuperanno della riproduzione e, prima di diventare anch’ essa meccanica, la sessualità sarà una pratica devoluta esclusivamente al piacere.

L’ utero artificiale e la clonazione schiuderanno prospettive vertiginose in cui ciascuno potrà decidere autonomamente di riprodursi e un giorno si arriverà forse all’ ermafroditismo universale. È un po’ come se l’ umanità scegliesse di ripercorrere a ritroso la storia della vita, tornando prima al matrimonio di gruppo, poi alla partenogenesi. Per riscoprire un giorno, chissà, il bisogno dell’ altro. E quindi dell’ amore.

Si deve resistere a un tale avvenire o rimanere stupiti davanti a tanti mutamenti? Possiamo sperare che l’ amore salvi gli esseri umani dalla propria follia? Il mio libro (Amori. Storia del rapporto uomo-donna)  un viaggio in questa storia meravigliosa e minacciata. Un viaggio che ci porterà a scoprire le tribù poliandriche della Cina e i rituali omosessuali della Nuova Guinea; le donne degli harem d’ Arabia e i numerosi mariti delle donne tibetane; le prostitute d’ America e le geishe giapponesi; i maestri dell’ erotismo indiano e i matrimoni di gruppo nel Congo; famiglie borghesi e trii bisessuali; macchine di piacere e chimere d’ amore. Tutti protagonisti dell’ ambizione umana più elevata e più rivoluzionaria: trascendersi per raggiungere un ideale, quello di piacere all’ altro per piacere a se stessi. Ed essere amati.

JACQUES ATTALI



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -