LO SCENDI… LETTA

12 giu – E così, il buon Enrico Scendi..Letta ha calato ufficialmente le brache. Non che non ce lo aspettassimo, ma per noi un po’ romantici, un po’ ingenui, un po’ guasconi della politica, rappresenta pur sempre un brusco ed inequivocabile risveglio dal sogno della Sovranità.

A Santa Margherita Ligure ha dichiarato :” Condivido le parole di Squinzi…faremo di tutto per evitare l’aumento dell’IVA…ma non possiamo stampare moneta”.

Il problema è però che sotto le brache dello ScendiLetta, non c’è il suo culo: ma il nostro.

Egli infatti, comunque andranno le cose, continuerà a percepire il suo lauto stipendio e ad andare alle periodiche riunioni del Bildergerg dove, insieme ad altri della sua specie, continuerà a contribuire a decidere dei destini della gente, culi compresi.

La stampa della moneta, checché ne dica il trattato di Maastricht, è la chiave di volta per la soluzione della crisi: che crisi non è, ma bensì un nuovo assetto definitivo ed in via di ulteriore aggravamento, di tutto il sistema finanziario, economico e, appunto, monetario. Il quale ci costringe, e ci costringerà sempre più in futuro, a tagliare gli stipendi, ad allungare l’età pensionabile, a ridurre le pensioni dei nostri figli e nipoti, ad eliminare quasi totalmente lo Stato Sociale, ad un perenne stato di precarietà e di sudditanza.

Insomma: ad una condizione di vita sempre più miserevole.

Tutto giustificato dal fatto che la finanza sta passando a riscuotere gli illeciti interessi dell’enorme mole di capitali da essa inventati. Creati dal nulla!

Il rinnegato ScendiLetta ed i suoi accoliti, stanno per l’ennesima volta prendendoci in giro, cercando di dimostrare di fare “qualcosa” per rimediare alla tragica situazione in cui tutti  i precedenti governi ci hanno cacciato e nella quale Monti ci ha definitivamente seppellito.

Giocare su cifre risibili di uno o due miliardi di euro per trovarne la copertura, con un PiL di un Paese che ne produce 1600 all’anno, e considerando che, come per la cassa  integrazione, sono necessari per salvare la vita di molte persone,  è semplicemente blasfemia.

Mentre U.S.A, Giappone e Gran Bretagna sfornano dollari, yen e sterline a fiumi e se ne sbattano altamente del “rigore” di quella deficiente della Merkel, con esportazioni che vanno a mille ed inflazione quasi inesistente.

Claudio Zanasi



   

 

 

3 Commenti per “LO SCENDI… LETTA”

  1. La ringrazio per questo articolo

  2. Ma cosa dovevamo aspettarci? Ma veramente avete creduto alle false speranze di chi è seduto sulle poltrone a Roma? Ma valà valà, sono come al solito dei burloni e lo fanno con il nostro CULO!!! Mi sto trattenendo dal non offendere questi signori che con le loro idee malsane hanno messo in ginocchio il paese ma, non è tanto loro la colpa, perchè solo facendo mia culpa e dicendo chi ho votato si potrebbe fare qualcosa. Gente ha votato PD altri PDL altri M5S. Il PD E PDL si sono alleati hanno fatto il cosidetto inciucio, il movimento 5 stelle si è astenuto da ogni inciucio, restando sulla propria linea. Conclusione? Un disastro su ogni fronte…l’aumento dell’Iva avrebbero potuto evitare di pagare 8 mila euro l’anno i ns. giudici (che di soldi ne guadagnano abbastanza) ma chissà perchè pare che muoiano di fame…e il ns. tantissimo amato Re Giorgio che con il suo turlopinare si è aumentato di ben 8,835 euro il suo già cospiquo ed esagerato stipendio.
    C’è una frase che dice: E’ FACILE FARE I FIGHI CON IL CULO DEGLI ALTRI…e qui noi ormai il buco lo abbiamo consumato perchè la vasellina costa!!!!

  3. Concordo in pieno con l’analisi di Claudio Zanasi e ne approfitto per raccontarvi una storiella…….
    Questa è la storiella del contadino che insegna all’asino a non mangiare e si dispera perchè muore quando aveva imparato a digiunare perfettamente. Ecco, noi siamo l’asino, lo stato è il contadino. Quindi o l’asino si incazza o la fine è già scritta.

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -