Un disperato appello di una mamma: «toglietemi la cittadinanza Italiana»

disp6 giu – (vocedeltrentino) Pubblichiamo la lettera di una mamma disperata residente in zona, che la stessa ha inviato al Presidente della Repubblica Napolitano e al Presidente del Consiglio Letta. Questa lettera, riportata integralmente è stata pubblicata su altri quotidiani, anche nazionali, suscitando apprensione e in alcuni casi amarezza. I contenuti non vanno strumentalizzati politicamente, ma devono invece far riflettere, per far capire il grado della disperazione e l’emergenza in cui viviamo da qualche tempo, e che in taluni momenti potrebbe essere alleviata con il buon senso, magari, aggirando la burocrazia e sopratutto difendendo la meritocrazia.

Egregio Sig.Presidente della Repubblica e Sig.Presidente del Consiglio,

«Scrivo questa lettera aperta da inoltrare ai giornali tramite l’ass.ne Legittima Difesa, non scriverò pubblicamente il mio nome onde evitare ulteriori vessazioni da parte di chi dovrebbe tutelare la gente in difficoltà. 
Io chiedo di perdere la cittadinanza italiana e diventare una extracomunitaria, lo chiedo perchè sono stanca di non poter vivere con mio figlio solo perchè italiana e come italiana non ho diritto ad agevolazioni in materia di aiuto..in particolare di punteggio per l’assegnazione di una casa popolare.

Sono attualmente senza lavoro, dopo anni di lavoro saltuario, nell’ultimo anno dopo la separazione ho vissuto a Milano avevo un lavoretto ed una famiglia che mi ospitava…ma mio figlio , che vive con i nonni, ha cominciato a sentire la mia mancanza..sono quindi tornata nella mia città pur di stare qualche ora al giorno con lui, ospite di amici ..una settimana in un posto, poi altro posto..il sacrificio in attesa della casa popolare..ritenevo di avere tutti i requisiti…volevo ricongiungermi a mio figlio….ma non rende punteggio un solo figlio e non nello stato di famiglia…qualcuno dovrà spiegarmi senza una casa come posso dichiarare un nucleo famigliare….non mi spettano aiuti diversamente dalle famiglie straniere..io italiana non sono gradita nella mia terra…l’Italia è un paese fondato sul lavoro…Bugie….il lavoro è prima per gli stranieri…le case popolari prima agli stranieri…i contributi prima agli stranieri…

Non mi uccido perchè non do questa soddisfazione e poi comunque mio figlio ha bisogno di me..ma vi prego con il cuore toglietemi la cittadinanza Italiana e fatemi diventare extracomunitaria, voglio avere una casa per vivere con mio figlio, mi sento discriminata per essere Italiana…chiaramente questo appello è anche alla Sig.ra Ministro pari opportunità….mi dia le stesse opportunità di chi italiano non è.

Fiduciosa di una risposta..anche se dubito…I miei riferimenti personali sono a conoscenza dell’Ass.ne Legittima Difesa che invierà questa mia richiesta ai giornali».
In fede M.M.



   

 

 

30 Commenti per “Un disperato appello di una mamma: «toglietemi la cittadinanza Italiana»”

  1. Purtroppo è vero…

  2. Anch’io vorrei che mi si togliesse la cittadinanza italiana!!!! Ho vergogna di essere italiano e la nausea mi assale ogni giorno. Ho schifo di questa nazione che non mi rispetta. Contraccambio anch’io. Vi prego… non voglio più essere italiano.

  3. Nella mia vita ho letto e sentito tante buffale. Io sono una mamma straniera, quando ho partorito miei figli italiani, lo stato non mi ha dato i 1000 euro per figlio, perchè era un incentivo per le donne italiane per fare figli(…) Ho chiesto la cittadinanza mi è stata negata perchè non ho reddito abbastanza da sola, perchè non è riconosciuta la convivenza, e a me da sola mancavano 52 euro, pero sono un imprenditore, non ho lemosinato disoccupazione allo stato italiano, ho venduto tutto ciò che avevo nel mio paese e ho aperto un attività. Per essere extracomunitari devi avere una cittadinanza extracomunitaria e subire le umilianze che tante donne subiscono per questo motivo. In Italia le leggi per l’immigrazione non sono tanto permissive. Per restare in Italia devi avere lavoro, che non c’è e vuoi rimanere, devi creartelo, diversamente sei clandestino e trasparente anche quando stai male. E bello dare colpa a cose inventate! Io sono disposta a confrontarmi con questa signora “apolide”

    • Buongiorno Straniera,
      mi fa molto piacere la tua testimonianza perche in questo peridio di crisi in cui la vita diventa sempre più difficile per tutti, noto che si moltiplicano queste “testimonianze” (che arrivano tutte dal giornale la voce del trentino ) che hanno come unico scopo, non di farsi che la gente si aiuti ma di erigere gli italiani contro gli stranieri. Io sono francese ma se ho dovuto avere un permesso di soggiorno (si pur essendo cittadina UE ho bisogno di un permesso di soggiorno, legge bossi-fini ) per poter affittare (il che significa avere un lavoro) casa mi chiedo come sia possibile ricevere aiuti che sono negati agli italiani… Mi sembra effettivamente molto strano. Come mi sembra molto strano che questa signora non si firmi.

    • Roberto Gaspari

      ma se in italia non c’è lavoro perchè non torni al tuo paese?qui in italia gli extracomunitari,non sono senza diritti come dice lei,hanno più diritti degli italiani stessi.e mi scusi ma si vergogni, di dire certe cretinate

    • Buongiorno Straniera, quello che tu hai scritto non mi ritorna assolutamente! Gli stranieri arrivati in Italia trovano accoglienza in apposite strutture per i primi soccorsi,che comunque reputo giusto, perchè arrivando stremati in un paese civile bisogna mettersi in condizioni di rimettere in sesto i bisognosi. Ti ricordo cara Straniera che questo servizio lo paghiamo noi Italiani con le tasse che paghiamo SALATE tutti gli anni; naturalmente poi usciti da li non tornano al loro paese, ed ecco che in gran parte si sviluppa il lavoro a nero dove non porta un euro nelle casse dello Stato x aiutare a sua volta i vostri fratelli che naturalmente restano a spese nostre……Attenzione, non veniamo con il solito commento che gli italiani sfruttano gli stranieri affamati, perchè x lo straniero se si fa mettere in regola, ahimè, perde il sussidio quotidiano dato dallo Stato e permettimi quindi di dire che lo straniero non è pirla, xrò chi continua a pagare siamo sempre e solo noi italiani!! Gli stranieri che x tot anni hanno dimostrato la residenza in Italia e non hanno lavorato neanche 1 giorno, dallo Stato viene riconosciuta una pensione minima che reputo assurdo, vergognoso, terrificante nei confronti della mia gente che ha sempre pagato le tasse! Ti ricordo anche che mensilmente lo Stato italiano riconosce ad ogni immigrato un piccolo importo giornaliero. Vorrei aggiungere che sugli alloggi comunali, nelle graduatorie passate prima voi stranieri, poi forse noi e ci sono tante altre cose che potrei menzionarti ma mi fermo qua. Grazie Governo italiano!!

    • cara straniera, purtroppo molte cose che si raccontano non sono inventate…. non è vero che le leggi sugli stranieri sono severe… per nulla, anzi!!! accogliamo tutti e spesso e volentieri veniamo ripagati con l’arroganza e con certe assurde pretese di adattarci alla loro cultura e non viceversa… che sia chiaro non ce l’ho con gli stranieri onesti e rispettosi, ma con quella larga fetta di personaggi che qui vengono solo a delinquere…. è ovvio se non c’è lavoro chi non riesce a trovarlo va a delinquere purtroppo… e siccome abbiamo i nostri delinquenti a cui badare preferiamo che ogni nazione si tenga i prorpi delinquenti…. nulla ocntro di lei che lavora onestamente e si adegua (spero) alla nostra cultura

    • Massimo Decimo Meridio

      @STRANIERA

      Vede cara signora, lei è già fortunata a poter rimanere qui in Italia.
      Se io per esempio volessi andare negli Stati Uniti a vivere, farei fatica anche se mi aprissi un’attività tutta mia, perché al contrario di quello che avviene qui in Italia, negli States un’attività aperta da uno straniero, DEVE dare lavoro anche a cittadini americani e generare profitti congrui (ovvero se non guadagni abbastanza da giustificare i costi di gestione e dei guadagni veri, chiudi e ti tolgono il visto, te ne torni a casa), e non può essere un semplice negozietto come quelli di “copertura” per riciclare denaro aperti dai cinesi, o quei negozi “latino” che non si capisce bene come facciano a tenere aperto e che danno (come tutte le attività aperte da stranieri qui in Italia) solo lavoro ai non ITALIANI, molto altruisticamente.

      Qui cara signora, per quelli di voi che non si possono mantenere, paghiamo noi la sanità, anche per lei, non creda che il vivere qui da qualche anno o pagare il ticket significhi pagare la sanità, perché lo Stato Italia è sempre in perdita proprio a causa degli extracomunitari, chissà perché non si trovano posti letto negli ospedali e perché al pronto soccorso ogni volta su 10 italiani ci sono 3 stranieri.
      Anche le carceri sono un costo disumano che l’Italia deve affrontare, proprio perché la maggioranza dei carcerati è EXTRACOMUNITARIO, e dobbiamo mantenerli noi.

      Quindi non si lamenti di quello che dice la signora italiana (che a casa sua, non ospite in un paese che le da di che sfamare la famiglia), perché il fatto che a lei non abbiano dato nulla (o dato tutto, visto che l’Italia le ha dato un’opportunità di vita), è solo un’eccezione che conferma la regola, in caso contrario se non è contenta, può tornarsene al suo paese, di cui è talmente orgogliosa da non dirci neppure di quale paese si tratta.

  4. Come la capisco……. la stessa discriminazione cmq le fanno con le famiglie con figli rispetto a quelle ke nn riescono ad averne….. purtroppo…. siamo in italia….. purtroppo.

  5. Tutti i giorni ormai vediamo casi veramente strazianti come quello appena letto, io italiano dalla nascita, mi VERGOGNO ormai di appartenere allo Stato italiano.
    Abbiamo al governo dei pagliacci ( quando l’ho sentito dire dai potenti della Germania, mi ero offeso, ma mi son dovuto ricredere visto che in Italia abbiamo dei gran parlatori ma di sostanza 0).
    Se vieni assunto in una azienda il tuo datore di lavoro ti riconosce un compenso sulle tue reali capacità, se non sono tali fuori dalle scatole e avanti un altro che abbia i numeri x poter contribuire alla crescita dell’azienda, perchè come ho imparato a mie spese le Aziende sono sottoposte a tasse gravose e quindi non possono dare il tempo di imparare… la parola d’ordine è: produrre.
    Il nostro Governo è come una grande industria che dovrebbe (ahahahahahah) lavorare, produrre per il bene dell’azienda, cioe’ l’Italia. In questi 50 anni c’è stata una mangeria, ruberia che ormai vergognosamente è sotto gli occhi di tutti e si chiede a noi italiani di fare ENORMI sacrifici per colmare l’immenso buco creato dalla manica di ladroni. Lo Stato investe denaro per eliminare il lavoro nero, l’evasione fiscale, perchè stando al Governo, noi dobbiamo pagare le tasse, loro si possono ingrassare le tasche con stipendi vergognosi e rimborsi da vomito.
    Continuano a chiedere pagamenti veramente da vergogna al popolo italiano, senza dare NULLA in cambio! Hai bisogno di esami? Paghi… Hai bisogno di un dentista? Paghi… Hai bisogno di un esame mutuabile? (prega che non sia grave), se ti va bene hai 8 mesi di attesa… In Germania tutto funziona, addirittura il dentista è pagato dallo Stato! Quindi la gente è incentivata a pagare visto che tutto funziona. La stessa cosa la possiamo vivere anche in Finlandia, spiegatemi perchè devo contare ciò che metto a tavola, speculare sull’elettricità usata quotidianamente ed economizzare sul gas per pagare uno Stato che in caso di bisogno, IO italiano, valgo meno di una m…… Qui mi allaccio all’episodio appena letto, io non sono un razzista, se l’Italia va bene, è giusto che possano lavorare persone meno fortunate di noi, ma però con leggi, regole ben precise dove c’è da capire che questa è l’Italia, cioe’ casa nostra, e loro vengono accolti per potergli dare la possibilità di avere ciò che il loro Governo non è stato in grado di dargli. Ci troviamo invece dove il nostro CREDO, il crocifisso, è stato messo in discussione e purtroppo x non offendere gli ospiti che si guadagnano il pane a casa nostra è stato tolto dai muri di certe scuole… VERGOGNA, VERGOGNA!!!!
    Con una grande risata, nei giorni passati, vengo a conoscenza su facebook che la polizia italiana dovrebbe imparare l’arabo x non urtare la sensibilità di un popolo ospite.
    Signori, scusate lo sfogo, ma io sono ancora una persona che scrivendo esprime e da’ pace ai nervi a fior di pelle che giornalmente vivo.
    E’ ora da parte dello Stato veramente di ridimensionare compensi VERGOGNOSI che non meritano, visto la situazione pietosa dell’Italia e che qualcuno dei potenti si prenda la briga e la responsabilità di cambiare le cose.
    Non sono un veggente, ma non ci vuole molto a capire che se l’ingordigia dello Stato e il menefreghismo dei potenti dovesse continuare a persistere, i risultati finali non saranno molto piacevoli!!! SPERO che questo piccolo sfogo venga pubblicato e non vada nell’immenso silenzio insieme a tanti altri sfoghi di noi italiani!!!

    • Gianpaolo Torri

      Condivido pienamente quanto hai scritto!

      • E’ terribile, che questa donna venga aiutata subito, ha diritto di vivere con il suo bambino!
        Anche io, quando vedo situazioni come queste, mi vergogno sempre di più di essere italiana.

    • Filomeno Cafagna

      Quoto in toto il commento di Marco

    • anna montinari

      guarda che sta succedendo anche di peggio. ho letto che a Jesolo il comune nn dà lavoro come vigilante sulle spiaggie alle donne italiane xchè i vùcumprà hanno reclamato in quanto nn vogliono essere rimproverati da un vigilante donna!!! quindi ulteriore discriminazione…… ma allora le donne italiane cosa devono fare ,dato che vengono discriminate in tutto, suicidio di massa? siamo al punto di nn ritorno…….

      • confermo, più che i vucumpra erano proprio i turisti musulmani che fanno un po’ quello che vogliono

    • Caro Marco, le cose che lei dice: Io le condivido da sempre!..e penso che non possono non essere di riflessione e di monito verso i “corresponsabili”…..! di questa “selva selvaggia”..che con facce a “color di mattone” , continuano imperterriti…(quali, politici, amministratori, uomini delle istituzioni ,,nonché certe figure di supporto presenti nelle “aree sociali” ecc.ecc. con funzione di ruota dentata trascinano consensi verso lo status quò! ..in favore di quelle forze retrive, impropriamente presenti nell’arco costituzionale, il cui scopo non è e altro che quello di mercificare la Nazione!..la Giustizia!!..e mantenere inalterati privilegi quali stipendi e pensioni! assurdi!

    • Grilletto Salvatore

      Caro; Marco,il tuo”sfogo” rispecchia quanti Italiani hanno da anni percepito e addirttura sono arrivati alla “scelta” di non servire piu’ questo regime,rifiutando la scheda elettorale oppure non andando addirittura a votare,( io mi sono astenuto dall’esprimere il mio “diritto” per 25 anni).Nonostante molti cittadini che colti da questa disgustosa gestione del paese siamo attivi nei nostri territori ,con iniziative sociali a sostegno delle persone meno “premiate dal sistema”la vergogna non la provo io non mi sento partecipe allo sfascio del paese ( almeno moralmente non li ho messi io questi manigoldi al potere) la lettera mi indigna ma e’ un sentimento diffuso, lo stato Italiano e’ in mano alle organizzazioni mafiose (bce, fmi,ecc. ) mafie commerciali e bancarie che ci affamano e relegano chi non e’ inserito nei sistemi premianti alla fame, molti auspicano una “rivoluzione” ma dico? con chi? e come? quali finalita’?Non voglio cessare di essere Italiano ma adesso lotto contro questi manigoldi, cerco di aiutare una forza nascente ( anche se ancora non esperta ma composta da cittadini come me’) dopo questo tentativo non mi rimane che “espatriare” e rinnegare la storia e le lotte della mia famiglia che ha contribuito a “liberare” il paese da una dittatura. un saluto e la mia solidarieta’ concreta a chi come me’ crede in una nuova societa’ libera e democratica (vera).

    • IO SONO ITALIANA. NO. NON CHIEDO CHE MI SIA TOLTA LA MIA CITTADINANZA PERCHè IO SONO NATA QUI A MILANO, PIù PRECISAMENTE A NIGUARDA (DOVE QUEL BASTARDO HA UCCISO I MIEI CONCITTADINI E UNO DI LORO AVEVA L’ETà DI MIO FIGLIO). ANCHE SUL WEB CI CHIAMANO RAZZISTI. ORA ADDIRITTURA CHI FA DISCORSI “RAZZISTI” SUL WEB VIENE SEGNALATO ALLA POLIZIA POSTALE (90% DEGLI ITALIANI QUINDI). BEH NON C’è DA PREOCCUPARSI TANTO CI METTONO FUORI COME FANNO CON IL BALUBA CHE HA UCCISO I NOSTRI CONNAZIONALI. FORSE NON HANNO CAPITO CHE CHI ORMAI è VERAMENTE AGLI SGOCCIOLI L’UNICO MEZZO CHE HA PER SFOGARSI è PROPRIO IL WEB. O PREFERISCONO CHE SI FACCIA LA GUERRA CIVILE. UNA VALVOLA DI SFOGO CI DEVE ESSERE. IO ITALIANA MI SONO SENTITA DIRE DAL MIO “CARO” VICINO DI CASA EGIZIANO: “TU DONNA TU ZITTA”. HO DOVUTO RISPONDERE AL SIGNORINO CHE MI MINACCIAVA PERCHè ERO INCAZZATA PER COLPA DEL FATTO CHE L’AMMINISTRATORE PRENDEVA SOLDI AL RESTO DEL CONDOMINIO PERCHè IL SIGNORINO DOVEVA 6000 EURO AL CONDOMINIO E INVECE DI PAGARE VOLEVA PURE COMANDARE. E MINACCIAVA E QUINDI GLI HO RISPOSTO CHE PRIMO LUI SE NE POTEVA TORNARE IN EGITTO E SE CONTINUAVA A MINACCIARE TORNAVA A GAMBE IN AVANTI. SECONDO CHE INVECE DI MANDARE AVANTI E INDIETRO QUATTRO VOLTE L’ANNO CON L’AREO LA MOGLIE E I TRE FIGLI, I FIGLI LI MANDA A SCUOLA QUI E PAGA LE SUE SPESE COME UN “UOMO” DEVE FARE. MIO MARITO è UN UOMO CHE SI ALZA LA MATTINA ALLE TRE E PRENDE IL CAMION RISCHIANDO LA VITA TUTTI I GIORNI IN AUTOSTRADA E SI PAGA LE SUE SPESE E NON DEVE NIENTE A NESSUNO (ANCHE MIO MARITO AVEVA PERSO IL LAVORO MA NON FACCIAMO COME I SIGNORI EXTRACOMUNITARI CHE PRETENDONO DI ESSERE AIUTATI). AVEVO PRESO APPUNTAMENTO ALLA MOGLIE PER LA SCUOLA QUI VICINO A CASA. PENSATE CHE CI SIANO ANDATI ALL’APPUNTAMENTO???? NOOOOOO. SE GLI DAVANO SOLDI CI CORREVANO SUBITO. DICE CHE LUI VUOLE MANDARE I SUOI FIGLI A SCUOLA IN EGITTO. COME ? VIVONO QUI MA I FIGLI A STUDIARE IN EGITTO? E PENSO ANCHE CHE NON SIA VERO CHE VADANO A SCUOLA IN EGITTO PERCHè A VOLTE VANNO E VENGONO DALL’EGITTO MA IN PERIODI IN CUI LA SCUOLA è IN PIENA ATTIVITà. LI HO AIUTATI TANTISSIMO E LORO PIù LI AIUTAVO E PIù SI APPROFITTAVANO PER CHIEDERE MA NEL MOMENTO IN CUI MI SONO ARRABBIATA PERCHè NON PAGAVA IL CONDOMINIO A COMINCIATO A MINACCIARE. HO CHIAMATO LA POLIZIA E LUI MI HA RISPOSTO CHE A LUI NON GLI FREGA NIENTE DI POLIZIA E NON GLI FREGA NIENTE DEI CARABINIERI E NON GLI FREGA NIENTE DI BERLUSCONI (INTENDEVA LO STATO). PERò DAVANTI ALLA POLIZIA SI è MESSO IN UN ANGOLINO E IL POLIZIOTTO MI DICE “MA SIGNORA IL SIGNORE QUI è DISPONIBILE”. ALLORA L’HO GUARDATO E GLI HO DETTO: “CERTO LEI HA LA DIVISA E LA PISTOLA, PER FORZA è DISPONIBILE”. NATURALMENTE CON FARE FALSO CHE è UNA CARATTERISTICA DI QUESTA RAZZA (ED è VERO è INUTILE NASCONDERSI DIETRO UN DITO. SONO FALSI MA FALSI CHE NON VE LO POTETE NEMMENO IMMAGINARE) DAVANTI ALL’AUTORITà SI METTEVA IN UN ANGOLINO INVECE QUANDO ERA SOLO DISTRUGGEVA COSE CONDOMINIALI E PRENDEVA COSE NON SUE E MINACCIAVA. HA PERSINO MANDATO A “FARE IN CULO” SCUSATE LA PAROLA LA MIA VICINA DI CASA DI 80 ANNI. CHE UOMO. DICE CHE LUI è UOMO E CHE LE DONNE NON DEVONO PARLARE. CAVOLO CHE UOMO. HO PIù COGLIONI IO CHE MANDO AVANTI LA FAMIGLIA SOLO CON LO STIPENDIO DI MIO MARITO E A TESTA ALTA FACENDO SACRIFICI E AIUTANDO ANCHE QUESTI PERSONAGGI (E RICORDATE CHE UN SECONDO PRIMA LI AIUTATE E UN SECONDO DOPO SONO PRONTI A TIRARVI UNA COLTELLATA). MENO MALE CHE LI HO AIUTATI IN OGNI MODO POSSIBILE (VORREI RACCONTARE DI QUELLA VOLTA CHE PREPARAI A FESTA IL CONDOMINIO QUANDO NACQUE IL LORO SECONDO FIGLIO E ANDAVO AVANTI E INDIETRO DALL’OSPEDALE PER AIUTARE LA MOGLIE ANCHE QUANDO è USCITA CON IL BAMBINO E CHE POI CONTINUAVANO A DISTURBARE SENZA RENDERSI CONTO CHE NON BISOGNA APPROFITTARSI ….. MA NON LO RACCONTO PERCHè è LUNGA). MA LORO SONO PRONTI A NON RISPETTARE LE REGOLE. “PERCHè PAGHI IL DISCO ORARIO” MI DICEVA LA MOGLIE QUANDO LA PORTAVO A FARE LE VISITE. “NON PAGARLO”. QUESTO MIO RACCONTO MI PIACEREBBE CHE LO LEGGESSERO QUEGLI INTEGRALISTI CHE CHIAMANO RAZZISTA LE PERSONE COME ME CHE POI SI INCAZZANO PERCHè NON NE POSSONO PIù. IO SONO DONNA E MI HA CHIAMATA ANCHE PUTTANA PERCHè GLI HO DETTO CHE LE SPESE SI PAGANO. ODIANO I CATTOLICI E LA NOSTRA RELIGIONE. MA NON HA AVUTO PROBLEMI QUANDO L’ASSOCIAZIONE DI SALESIANI HA COPERTO IL SUO DEBITO CON IL CONDOMINIO (RIPETO 6000 EURO). E TENTAVA ANCORA DI FARSI PAGARE ALTRE RATE MA QUANDO L’ASSOCIAZIONE DI SALESIANI HA CHIAMATO IL NOSTRO AMMINISTRATORE PER CHIEDERE COSA DOVEVA FARE, IL NOSTRO AMMINISTRATORE HA RISPOSTO CHE SE AVESSERO PAGATO DEBITI CHE COME DA ACCORDI AVREBBE DOVUTO INIZIARE A PAGARE LUI ALLORA AVREBBE MANDATO TUTTO IL CONDOMINIO E QUINDI ANCHE ITALIANI. VI SEMBRA POSSIBILE CHE IO UNA DONNA DI 50 ANNI ABBIA DOVUTO COMPORTARMI DA MAFIOSA (HANNO PAURA DEI MERIDIONALI DEI CALABRESI -IO SONO CALABRESE- E DEI SICILIANI) PER NON FARMI PIù MINACCIARE PERCHè ALTRIMENTI SAREBBE DEGENERATO E LE NOSTRE AUTORITà NON CI TUTELANO? ANZI DEVO DIRE LA VERITà. MIO ZIO MARESCIALLO DEI CARABINIERI IN PENSIONE MI HA DETTO CHE LORO HANNO LE MANI LEGATE E NON POSSONO FARE NIENTE E POSSONO PROCEDERE SOLO D’UFFICIO NEL CASO SUCCEDA QUALCOSA DI GRAVE. QUINDI MI PIACEREBBE RIPETO CHE I SIGNORI INTEGRALISTI LEGGESSERO QUESTO MIO ARTICOLO E MI DESSERO LORO UN BUON CONSIGLIO PER DIFENDERE ME E LA MIA FAMIGLIA DA QUESTA SITUAZIONE. SITUAZIONI CHE MOLTE FAMIGLIE VIVONO. SCOMMETTO CHE I COSIDDETTI INTEGRALISTI NON HANNO COME VICINO DI CASA PERSONAGGI DEL GENERE. SE OBAMA FOSSE STATO MIO VICINO DI CASA IO SAREI STATA LA PERSONA PIù FELICE DEL MONDO. HO ESULTATO QUANDO è DIVENTATO PRESIDENTE. E LA MIA AMICA CHE è ANCHE LA MIA PARRUCCHIERA CHE è DEL GHANA, PARLAVAMO DI QUELL’EXTRACOMUNITARIO CHE AVVICINAVA LE DONNE IN BICICLETTA E LE VIOLENTAVA E LEI STESSA HA DETTO (E CITO TESTUALMENTE): “QUEL NEGRO DI MERDA CHE HA VIOLENTATO TUTTE QUELLE DONNE????”. E BASTA CON LA SCUSA DEL RAZZISMO. BANALISSIMA SCUSA PER NON ATTENERSI ALLE REGOLE. CHISSA’ PERCHè QUANDO GLI CHIEDI DI ATTENERSI ALLE NOSTRE CIVILE REGOLE DI CONVIVENZA ECCO SUBITO CHE SCATTA LA SCUSA DEL RAZZISMO. MA PER FAVORE. BASTA VERAMENTE. CHE IL NOSTRO GOVERNO REGOLAMENTIZZI UN Pò QUESTA SITUAZIONE INVECE DI FARSI I FATTI LORO E LASCIARCI NEL NOSTRO BRODO E PENSATE UN Pò A NOI ITALIANI. E LEI SIGNORA NON CHIEDA CHE LE SIA TOLTA LA CITTADINANZA. LA NOSTRA CITTADINANZA è LA NOSTRA DIGNITA’ E NESSUNO CI PUò TOGLIERE LA NOSTRA DIGNITA’. E’ IL GOVERNO CHE SI DOVREBBE VERGOGNARE DI PERPRETARE IN QUESTI COMPORTAMENTI ANTI-ITALIANI.

      E IL DISCORSO SAREBBE MOLTO LUNGO MA ORA VI DEVO LASCIARE. SICURAMENTE PER CHI MI LEGGE RICORDATE UNA SOLA COSA. CHI SI COMPORTA BENE CHI SI ATTIENE ALLE REGOLE CHI PRODUCE PER IL NOSTRO PAESE ANCHE LAVORO E PAGA LE TASSE è BENE ACCETTO. SOPRATTUTTO CHI SI COMPORTA CON DIGNITà E CIVILTà. IL RESTO SE LO POSSONO RIPRENDERE INDIETRO.

      S.V.

      • Massimo Decimo Meridio

        Io ho avuto un’esperienza simile alla sua, in un condominio di Milano, non le sto a dire quello che è successo, perché ci sono ancora i sigilli all’appartamento che era abitato da egiziani, spacciavano, non pagavano le spese del condominio, e hanno piantato una grana con la banca non pagando il mutuo (e li è stato bene alla banca, visto che se vado io il mutuo non me lo danno)
        Ci siamo ritrovati il sangue sulle scale perché si ammazzavano di botte per questioni di droga, arrivavano le multe dell’ATM perché ovviamente non pagavano il biglietto, dovevano essere in 2 in casa, invece erano in 15, di notte non le dico.
        In più minacciavano e prendevano di mira la custode, lamentandosi anche del fatto che portava la croce al collo e che c’era il crocifisso in guardiola, un’offesa per loro (poi erano musulmani quando gli faceva comodo, visto i fiumi di alcol che scorrevano in quell’appartamento, per non parlare delle multe che abbiamo ricevuto dall’Amsa perché sistematicamente buttavano il vetro nell’umido, poi a pagare tanto era il condominio di bravi italiani)
        Quando finalmente (dopo anni di denunce) sono venuti a fare una retata i carabinieri all’alba, abbiamo brindato in condominio, anche se avevano lasciato un buco di svariate decine di migliaia di euro di spese non pagate.
        Ora di regola tutte le richieste da parte di extracomunitari vengono valiate di volta in volta, anche se la grande legge italiana dice che è discriminazione.
        Certo, ma a casa di Pisapia non ci sono gang di egiziani spacciatori o trans.

  6. 1970 con famiglia fui espulso dalla Libia,quindi profugo,lavorai a Rapallo poi all?nam di bergamo, 1974,feci domanda alla Aler case popolari,come profugo.eravamo io mia moglie mio figlio di 4 anni e mia mamma,vedova.nel 1975 nacque mia figlia. aggiunsi la nascitura nella domanda ella casa popolare.Dopo Mesi di attesa:la lapidaria risposta.:CARTA CARLO PROFUGO DELLA LIBIA CON MOGLIE E DUE FIGLI A CARICO CON MADRE VEDOVA A CARICO,,NON HA DIRITTO ALLA CASA POPOLARE PERCHE’LAVORA. perche’ LAVORA? mi recai all’istituto Aler ,e chiesi spiegazioni,mi dispiace mi rispose l’impiegato, le quote case per voi profughi sono esaurite;Io certo gridai,alzai la voce, e dissi e se non avessi un lavoro,se non lavorassi mi dareste la casa? come pagherei l’affitto,No non le danno la casa perche’ la quota per voi migranti eì finita,ha capito? e non gridi perche’ senno’ chiamo i carabinieri.Percio io incensurato all’estero,figlio di e nipote di lavoratori onesti e capaci incensurati,puliti, Italiani fino al midollo, sarei finito a parlare con l’arma?Mi ritirai in buon ordine, ancora mi rode,ma questa è l’Italia che noi amavamo all’estero?Mi rode ma è cosi,siamo la nazione della carita’ pelosa, carita’ per i lontani, esclusi i propri figli.Ciao a tutti

  7. Scrivo in merito alle ingiustizie subite da questa finta democrazia, questa vera e propria “dittatura” contro il cittadino italiano più debole !!!… Torno a ripetere che questo atteggiamento nei confronti dei più deboli è gravissimo!!! …

  8. La nostra classe dirigente si è venduta alla Conferenza Islamica. I giornali e le TV legittimano culturalmente il loro tradimento. Bisogna estiparli, svellerli letteralmente dal suolo, per mera sopravvivenza. La nostra vita è incompatibile con questa classe dirigente

  9. vandabortolan

    STO DANDO DI MATTO FONDIAMO UN PARTITO PER LA DIFESA DEGLI ITALIANO.(di genitori e nonni italiani) DIFENDIAMOCI DAVANTI ALLA CORTE DELL’AJA PER I DIRITTI CHE IN ITALIA DIVENTANO SOLO OBBLIGHI VERSO GLI INVASORI E OBBLIGHIAMO CHI CI HA IMPOSTO QUESTO CAPPIO DI PROVVEDERE DIRETTAMENTE PER LEGGE A MANTENERE TUTTA QUESTA MARMAGLIA IN PREVALENZA DI SPACCIATORI, MALAVITOSI, VIOLENTATORI, NULLA FACENTI E QUANDO VENGONO ARRESTATI SPEDITI ATTRAVERSO LE LORO AMBASCIATE NEL LORO PAESE. DUBITO CHE LA BOLDRINI E LA KIENGE FACCIANO QUALCOSA PER QUESTA RAGAZZA. QUESTE DUE NOBILDONNE LE SPEDIREI IN CONGO PER UNA LUNGA MA LUNGA VACANZA.. UNIAMOCI UNIAMOCI…..UNIAMOCI. SONO TROPPO VECCHIA PER FARLO IN PRIMA PERSONA MA ANCORA CAPACE DI AIUTARE E FARE QUALCOSA PER GLI ALTRI CERCATEMI SU FACEBOOK

  10. E’ assurdo che succedano queste cose…. Dietro a questo falso buonismo di voler a tutti costi aiutare gli stranieri più di quanto si possa, ci sono solo sporchi interessi… Non si possono aiutare gli stranieri e poi lasciare gli italiani allo sbaraglio…

    • brava anch’io ho una situazione del genere rimasta vedova a 29 anni con 2 figli gemelli abito in provincia di frosinone sono 16 lunghi anni che sto in graudatoria e nesunno si decide di aiutarmi e una vergogna

  11. Purtroppo l’Italia è dominata dalle mafie, in politica, nella vita civile, ovunque…siamo amministrati da gente che non abbiamo eletto, che bada soltanto ai soldi….soluzioni: la GUERRA, come sempre è stato finora nella storia umana, o la fuga, scappare il più lontano possibile. D’accordissimo con Marco

  12. Anche io non voglio più essere italiano e non pagare più tasse assicurazioni, bollì ed avere casa e soldi dallo stato italiano come gli extracomunitari , basta strappiamo i DOC e cambiamo vita

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -