Islam duro e puro in Albania, tensioni con giovani imam radicali

18 agosto – I giovani imam predicano una forma di Islam diversa da quella diffusa in Albania, favorendo la nascita di nuove tensioni». È la denuncia di Peter Rettig, responsabile di «Aiuto alla Chiesa che soffre», associazione riconosciuta dalla Santa sede. Nella patria dell’eroe cristiano Skanderbeg, il nuovo clero islamico viene formato in Turchia e Arabia Saudita, paesi che incoraggiano l’espansione delle scuole coraniche (le madrasse).

In Albania l’80 percento della popolazione è islamico, ma poco religioso: nel 2009 erano registrate 638 moschee e templi sufi. Il movimento turco Gulen ha però aperto cinque scuole coraniche. E ong come Islamic relief finanziano la Haij Shamia school a Scutari, roccaforte cristiana, con 2.962 studenti l’anno. Nei villaggi più poveri operano ong e predicatori musulmani.

L’influenza wahabita dell’Islam duro e puro resta minoritaria, ma fa proseliti. Non a caso nel 2011 è stata aperta l’Università islamica di Tirana, per interrompere il flusso degli studenti verso il Golfo. Emblematica la guerra scoppiata fra imam pro Turchia e quelli pro Arabia Saudita. In marzo a Tirana sono stati esautorati l’imam e il predicatore della moschea della madrasa: una mossa della comunità musulmana albanese, controllata dalla fazione turca, contro la costola araba. Ma Riad non demorde e propone di finanziare l’edificazione del nuovo parlamento.

Fausto Biloslavo – Panorama

L’Italia in crisi regala 840mila euro all’Albania per il turismo sostenibile

L’Italia in crisi regala 4 imprese sociali all’Albania

Italia fornisce attrezzature a 5 poliambulatori albanesi

Le nostre tasse servono, ma alla Bolivia di Evo Morales, all’Albania…

 



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -