Azienda agricola Forteto: arrestato fondatore per violenza sessuale su minori

FIRENZE, 20 DIC – Violenza sessuale e maltrattamenti: sono le accuse che hanno portato in carcere Rodolfo Fiesoli, 70 anni, fondatore e presidente della comunita’ ‘Il Forteto’ dove dagli anni Settanta vengono ospitati minori in difficolta’. Tre i casi contestati, uno su un minore, all’uomo che si fa chiamare ‘il profeta’: per i fedelissimi una specie di taumaturgo capace di fare ‘miracoli’. Nei primi anni ’80 Fiesoli era gia’ stato processato e condannato a 2 anni per maltrattamenti aggravati e violenza privata.

L’inchiesta sollevò grandi polemiche anche all’interno della magistratura, perché il tribunale dei minori continuò ad avere profonda fiducia nella cooperativa e nella sua capacità di aiutare minori in difficoltà. E infatti, malgrado la condanna,  gli affidamenti sono continuati fino al 2008.

Alcuni di loro erano stati affidati alle famiglie della comunità quando erano bambini e provenivano da situazioni familiari disastrose, e in diversi casi avevano subìto abusi. Secondo le loro testimonianze, Rodolfo Fiesoli sosteneva che in ogni persona c’è una tendenza omosessuale e che era necessario liberarsi dal tabù. All’atto pratico, la liberazione — sempre secondo le accuse — consisteva per i giovani maschi in rapporti sessuali con lui. A suo dire, in tal modo ognuno di loro si sarebbe liberato dalla “materialità” e avrebbe superato gli abusi subìti.

Altro metodo educativo praticato da Fiesoli — secondo le testimonianze raccolte — era la seduta serale di chiarimento, in cui faceva ammettere ai presenti, insistendo fino allo sfinimento, predilezioni sessuali per persone dello stesso sesso. Talvolta ricorreva anche a punizioni severe. Uno dei testimoni ha detto di essere stato rinchiuso per un’ora in una cella frigorifera. Il pm Giuliano Gianbartolomei e il gip Paola Belsito hanno ritenuto di trovarsi di fronte a un quadro assai grave di maltrattamenti psicologici.

Psicologi, neuropsichiatri infantili e assistenti sociali hanno attestato per oltre venti anni i buoni risultati conseguiti dalla comunità. Ora alcuni testimoni hanno raccontato che Rodolfo Fiesoli imponeva la divisione fra i sessi anche a letto, ma veniva sempre informato in anticipo delle visite delle assistenti sociali e faceva loro trovare situazioni familiari apparentemente in ordine, con le foto dei genitori affidatari e dei bambini nelle camere ben ordinate.

Alcuni degli abusi che sarebbero stati commessi all’interno della comunità sono stati raccolti da una pagina Facebook, “Falsi educatori”.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -