Valeria morta a 27 anni, “meningite scambiata per mal di testa”: tre medici sotto accusa

Valeria Fioravanti

Una meningite scambiata per mal di testa. Si deciderà il prossimo 23 maggio sul rinvio a giudizio chiesto dalla procura di Roma per tre medici in relazione alla morte della 27enne Valeria Fioravanti, morta dopo essere stata visitata in diverse strutture sanitarie della Capitale nel gennaio 2023.

Leggi anche
“Le hanno detto che esagerava e hanno minacciato un intervento delle forze dell’ordine“, racconta la famiglia

La giovane era andata in un ospedale romano per rimuovere un ascesso. Proprio durante quell’operazione, secondo la famiglia della 27enne, quest’ultima sarebbe però stata colpita dal batterio che le ha causato una meningite. Due giorni dopo, il 27 dicembre scorso, la giovane donna, avendo notato che la ferita si era infettata era tornata nella struttura. Da lì poi l’accesso in altri ospedali fino al decesso.

Secondo quanto emerso da una consulenza della procura, la meningite venne scambiata per una cefalea. Per questi fatti a rischiare il processo sono tre medici accusati di omicidio colposo che secondo l’accusa, «in cooperazione colposa tra loro» avrebbero provocato la morte della ragazza. L’udienza di ieri è stata rinviata per questioni procedurali relative alla costituzione di parte civili. In tribunale erano presenti i familiari della vittima accompagnati dai loro legali.
www.ilgazzettino.it

SOSTIENI IMOLAOGGI
il sito di informazione libera diretto da Armando Manocchia

IBAN: IT59R0538721000000003468037 BIC BPMOIT22XXX
Postepay 5333 1711 3273 2534
Codice Fiscale: MNCRND56A30F717K