Sala, gli antifascisti e la polemica fra le “autorità” per i posti alla Scala

Scala Milano

di Francesca GaliciBeppe Sala mette da parte il bon-ton istituzionale e riesce a fare polemica anche alla prima della Scala, da sempre un appuntamento che accende i riflettori del mondo su Milano. Sposta i riflettori dal Don Carlo che inaugurerà la stagione e in aperto contrasto con il governo sceglie di sedersi in platea e non nel palco reale. Al sindaco di Milano, che è anche presidente della Scala, spetta di diritto un posto nel palco reale, il posto più ambito per assistere allo spettacolo inaugurale del teatro Piermarini, un vero simbolo di Milano e dell’Italia.

Nel palco reale, in ottemperanza alla tradizione e al suo ruolo designato per garantire la migliore visuale del palco, siedono le autorità più alte che partecipano alla prima, dal presidente della Repubblica in giù. Quest’anno non presenzieranno né il capo dello Stato e né il presidente del Consiglio ma ci sarà il presidente del Senato, seconda carica della Repubblica, insieme a una rappresentanza di ministri del governo di Giorgia Meloni. Secondo indiscrezioni, inizialmente Ignazio La Russa avrebbe dovuto sedere nel palco reale, come da protocollo, ma, appunto, vicino a lui non ci sarebbe stato il sindaco Sala, che invece aveva scelto di sedersi nella cosiddetta “fila d’onore” in platea, dove sarà seduta la senatrice Liliana Segre.

Sala e Segre

Leggi anche
Mattarella diserta la Prima della Scala. Nel cast la filo-putiniana Netrebko

Una spaccatura netta ed evidente delle autorità che pare sia stata in parte ripianata dalla decisione del presidente del Senato, che stando a quanto si apprende dovrebbe sedere insieme al sindaco e alla senatrice a vita in platea. Un segnale distensivo a poche ore dalla prima del 7 dicembre, che tradizionalmente nel giorno di Sant’Ambrogio celebra l’inizio della stagione di uno dei teatri più prestigiosi del mondo. Il teatro Piermarini, ammirato e amato in tutto il pianeta dai melomani e non, accentrerà a sé le luci della ribalta: per una sera tutta Italia, ma anche gran parte del mondo, guarderà a quel foyer e cercherà di scorgere volti noti e curiosità.

Ma se dal lato delle autorità la divisione sembra essere in parte stata risolta, la Cgil e l’Anpi non ne voglino sapere di fare un passo indietro e cerca di usare anche questo palcoscenico per accentrare l’attenzione. Hanno annunciato che non parteciperanno, come da tradizione, “ad alcun cerimoniale di saluto istituzionale rivolto a chi non ha mai condannato il fascismo, le sue guerre coloniali, l’alleanza e la sudditanza al nazismo che ha generato leggi razziali e tanto lutto e miseria al popolo italiano“. Così scrivono in una nota e Rls Slc-Cgil Teatro alla Scala e Anpi Scala in una nota intitolata “I fascisti non sono graditi alla Scala“.
www.ilgiornale.it

SOSTIENI IMOLAOGGI
il sito di informazione libera diretto da Armando Manocchia

IBAN: IT59R0538721000000003468037 BIC BPMOIT22XXX
Postepay 5333 1711 3273 2534
Codice Fiscale: MNCRND56A30F717K