L’ultima di Elly Schlein, nel mirino i proprietari di casa

Elly Schlein

L’ultima di Elly Schlein. La segretaria del Pd ha preso l’abitudine: ogni 24 ore sforna un piano in “sette punti” o in “cinque punti”. Quello per fermare l’ondata di sbarchi sulle nostre coste di fatto è diventato una vera e propria barzelletta con porte aperte ai migranti e con l’accoglienza diffusa in pieno stile Lucano. Detto questo, dobbiamo fare i conti con la nuova proposta della segretaria Pd che questa volta per dare un freno al caro vita mette nel mirino i proprietari di casa. La Schlien di fatto propone di mettere un blocco all’indicizzazione degli affitti: “Cinque milioni di famiglie pagano l’affitto.

Nel 2022 e 2023 l’individuazione ha replicato la crescita dell’inflazione. Noi proponiamo di congelare l’indicizzazione degli affitti per tutto il 2024”. Una misura che è già abbondantemente superata dalla cedolare secca che da tempo mette d’accordo locatario e locatore sia sugli sgravi fiscali che sul canone concordato per un lasso di tempo, ad esempio 4 anni, senza subire ritocchi. Ma c’è dell’altro.

Il Fondo Monetario Internazionale aveva già fatto presente che una misura del genere potrebbe affossare definitivamente il mercato immobiliare: “Alcune misure, come i massimali per l’aumento degli affitti nelle aree stressate, possono introdurre inefficienze e limitare la disponibilità di immobili per i futuri inquilini”, ha affermato l’Fmi. Parole che a quanto pare non sono arrivate alle orecchie della Schlein. In un momento in cui il mercato va a picco, l’intervento di uno strumento statalista che mette un freno ai canoni potrebbe essere la botta finale su tutto il settore.  www.liberoquotidiano.it

SOSTIENI IMOLAOGGI
il sito di informazione libera diretto da Armando Manocchia

IBAN: IT59R0538721000000003468037 BIC BPMOIT22XXX
Postepay 5333 1711 3273 2534
Codice Fiscale: MNCRND56A30F717K