Russofobia, Lituania: tolta cittadinanza a pattinatrice perchè amica dei russi

Margarita Drobiazko

(www.rainews.it) – Il ministero dell’Interno lituano ha fatto un appello al presidente del Paese, Gitanas Nausėda, chiedendo di privare la pattinatrice Margarita Drobiazko della cittadinanza lituana. Il ministero ha richiamato l’attenzione sul fatto che Drobiazko sta collaborando con la pattinatrice russa Tatyana Navka, moglie dell’addetto stampa del Cremlino Dmitry Peskov, che è sotto sanzioni occidentali.

“Gli eventi con la partecipazione di Drobiazko contribuiscono alla formazione dell’immagine della Russia come un grande Paese…contribuendo così alla promozione della narrazione del regime russo sul “mondo russo” e rafforzando il potenziale del regime della Federazione Russa, “, ha precisato il ministero in un comunicato. Il ministero dell’Interno lituano ha sottolineato che Drobiazko non ha condannato l’operazione militare russa in Ucraina.

Ricevendo la cittadinanza lituana, la pattinatrice ha promesso di rispettare le leggi di questo paese, rispettarne l’indipendenza e l’integrità territoriale, ma in realtà “collabora con un regime ostile allo stato lituano e diffama il nome della Lituania”, ha precisato il ministero.

Il vice ministro dell’Interno della Lituania, Arnoldas Abramavichyus, ha dichiarato in una conferenza stampa il 28 luglio scorso che Drobiazko sta fornendo sostegno allo “stato aggressore”, che può essere sia finanziario che morale, riferisce la TV lituana LRT.

Margarita Drobiazko è nata a Mosca il 21 dicembre 1971 nella famiglia di un pilota polare. Ha ricevuto la cittadinanza lituana nel 1993 come eccezione, per rappresentare la Lituania ai Giochi Olimpici insieme al pattinatore lituano Povilas Vanagas. Nel 2000, i pattinatori hanno ricevuto una delle massime onorificenze lituane, la Croce di Cavaliere dell’Ordine di Gediminas.

Nell’agosto 2022, il presidente lituano Gitanas Nauseda ha privato Drobiazko e Vanagas delle decorazioni statali lituani. La ragione di questa decisione è stata l’esibizione dei pattinatori nello spettacolo di Tatyana Navka “Swan Lake” a Sochi. Secondo Nausėda, i pattinatori “hanno cancellato i loro servizi alla Lituania con l’atto cinico di partecipare a un evento commerciale a Sochi mentre il sangue di persone innocenti viene versato in Ucraina”.

 

SOSTIENI IMOLAOGGI
il sito di informazione libera diretto da Armando Manocchia

IBAN: IT59R0538721000000003468037 BIC BPMOIT22XXX
Postepay 5333 1711 3273 2534
Codice Fiscale: MNCRND56A30F717K