Cabine di vetro violano diritti dei terroristi islamici, slitta processo stragi Bruxelles

terrorismo bruxelles

BRUXELLES, 23 SET – Il maxi-processo per gli attentati jihadisti di Bruxelles del 22 marzo 2016 è stato ufficialmente rinviato a data da destinarsi. Lo riportano i media locali, indicando che è caduta l’ipotesi di svolgere il sorteggio della giuria il 10 ottobre. Lo slittamento è dovuto ai lavori in corso per adeguare le cabine di vetro dove sono tenuti gli imputati durante le udienze, dopo che il presidente della Corte d’assise di Bruxelles ne ha disposto lo smantellamento e la ricostruzione perché ritenute in violazione alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo.

Negli attentati, avvenuti tra l’aeroporto cittadino di Zaventem e la metropolitana di Maelbeek, 32 persone rimasero uccise e centinaia furono ferite. Il processo, il più grande nella storia del Belgio, coinvolge dieci presunti terroristi jihadisti, di cui sei processati anche per gli attacchi a Parigi del 13 novembre 2015, e oltre 960 querelanti.

Salah Abdeslam

Il terrorista Salah Abdeslam – già condannato all’ergastolo in Francia – lo scorso 12 settembre aveva abbandonato l’aula all’inizio dell’udienza preliminare lamentando un trattamento “ingiusto” in riferimento ai box. Il ministro della Giustizia del Belgio, Vincent Van Quickenborne, si aspetta che il processo subisca un ritardo “di qualche settimana e non di mesi”.  ANSA EUROPA

 

Articoli recenti