Ucraina, spari contro il convoglio dell’elemosiniere del Papa

bergoglio Pasqua

L’inviato del Papa in Ucraina, il cardinale elemosiniere Konrad Krajewski, è stato coinvolto in una sparatoria mentre si trovava insieme a due vescovi, uno cattolico e uno protestante, ed era accompagnato da un soldato, dopo aver caricato il suo pulmino di viveri ed essersi “inoltrato dove oltre ai soldati non entra più nessuno” perchè i colpi si fanno più fitti”. Il convoglio ha fatto tappa prima a Odessa poi a Zaporizhia, con l’intenzione di raggiungere Kharkiv. Lo riferisce Vatican News, spiegando che nella seconda delle tappe previste “il gruppo è stato raggiunto da colpi d’armi da fuoco e il cardinale, insieme agli altri, si è dovuto mettere in salvo. Tutto alla fine, aggiunge l’agenzia, è andato bene e tutti gli aiuti sono stati consegnati”.

Il cardinale e i due vescovi stanno bene

Il Vaticano, che non ha riferito chi fossero gli autori dell’attentato, ha assicurato che il gruppo coinvolto nella sparatoria sta bene e che la consegna degli aiuti è proseguita fino alla fine, compresi i rosari benedetti dal papa e “chi li ha ricevuti subito li ha appesi al collo”.

Il cardinale era già stato in Ucraina altre tre volte da quando e’ iniziata la guerra, l’ultima colta ad aprile per celebrare i riti della Settimana Santa per i cattolici del Paese e per pregare nella citta’ di Bucha, dove, dopo il ritiro dell’esercito russo, sono comparsi centinaia di cadaveri di persone torturate e giustiziate. L’inviato del Pontefice sta proseguendo la sua quarta misisone in Ucraina dall’inizio della guerra. “Per la prima volta nella mia vita non sapevo dove fuggire… perché non basta correre, bisogna sapere dove”, ha raccontato.  https://notizie.tiscali.it

Condividi

 

Articoli recenti