Letta: “La risposta al dittatore russo può darla solo l’Europa unita”

Letta scrive ai militanti

“I sondaggi dicono che il 40 per cento degli elettori non ha ancora deciso se votare e per chi, in particolare i giovani che finalmente eleggeranno anche il Senato e non solo la Camera. Il Pd è il primo partito tra i ragazzi dai 18 ai 25 anni, ora parleremo molto agli indecisi e ai giovani: ci attendono le tre settimane delle sorprese, e la sorpresa saremo noi. Questa è la mia grande speranza”.

Lo ha detto, in un’intervista al quotidiano Repubblica, il segretario nazionale del Pd Enrico Letta. Qual è la vostra priorità? “I costi dell’energia, che rischiano di non far riaprire molte aziende e di mettere in ginocchio le famiglie.

LEGGI ANCHE
Gas, Cremlino: è la UE che deve riparare il Nord Stream 1

Putin sta influendo sulla politica europea, e se in Italia vincerà la destra lui sarà il primo a brindare: Salvini, e in parte anche Berlusconi, non hanno mai rinnegato i loro legami con Putin. La risposta al dittatore russo può darla solo l’Europa unita, altrimenti cadrà l’intero comparto industriale.
Dobbiamo diversificare le fonti, puntare sui rigassificatori e accelerare moltissimo sulle rinnovabili. Dobbiamo autoprodurre la nostra energia: sole, eolico, idroelettrico. L’Italia già oggi copre così il 40 per cento del fabbisogno, non è poco ma nonè abbastanza…”.  (ITALPRESS).

Condividi

 

Articoli recenti