Carabiniere morto a Cuba, autopsia: “Non era vaiolo delle scimmie, ma broncopolmonite”

Carabiniere morto a Cuba

Carabiniere morto a Cuba – Il 50enne italiano morto il 21 agosto mentre si trovava in vacanza a Cuba – G. M, comandante della stazione dei carabinieri di Scorzè, comune della città metropolitana di Venezia – non è deceduto a causa del vaiolo delle scimmie. È quanto emerge dall’autopsia, come riporta Il Gazzettino. Secondo quanto scrive il medico legale cubano che ha eseguito l’esame, si è trattato di “broncopolmonite da germe sconosciuto e danni multipli agli organi“. Nelle carte sanitarie trasmesse dalle autorità cubane non c’è alcun accenno al vaiolo delle scimmie.

A dare la notizia del contagio era stato il ministero della Salute de L’Avana il 20 agosto, segnalando che si trattava del primo caso di vaiolo delle scimmie rilevato nel Paese. Inoltre, in un comunicato emesso sempre dopo il decesso di Mancini, lo stesso ministero dava la responsabilità della morte al virus. “Durante il suo soggiorno la vittima ha alloggiato in una casa in affitto e ha visitato diversi luoghi nelle province occidentali del Paese. Il 17 agosto ha presentato sintomi generali e il 18 agosto si è recato ai servizi sanitari per la loro persistenza. Durante le prime cure mediche fornite, i sintomi sono peggiorati e questo ha richiesto il trasferimento d’urgenza per il ricovero e le cure intensive”, aveva specificato il ministero in una nota.

Carabiniere morto a Cuba, la moglie ha chiesto accertamenti

L’avvocato della famiglia, Guido Simonetti, potrebbe chiedere che le autorità italiane effettuino una nuova autopsia. Intanto, sempre secondo quanto riporta il quotidiano, la salma del carabiniere è rientrata in Italia, a Noale (Venezia).  tgcom24.mediaset.it

Condividi

 

Articoli recenti