Covid, Letta: “Con Salvini e Meloni quanti morti in più avremmo avuto?”

Letta vuole candidare Speranza

“La gragnuola di reazioni alla candidatura Crisanti” con il Pd alle elezioni politiche del 25 settembre 2022 “chiarisce che a destra prevale la cultura NoVax. Ha ragione Crisanti, se avessero governato Salvini e Meloni nel 2020 quante migliaia di decessi in più avremmo avuto? Ce li ricordiamo gli aprire, aprire, aprire…”. Lo scrive su Twitter il segretario del Partito democratico Enrico Letta.

Poi, postando una dichiarazione del leader di Italia Viva Matteo Renzi (“ricordo con preoccupazione alcune frasi folli del virologo Crisanti e spero che non porti in Parlamento una cultura di lockdown illiberale e inutile. Se vince la linea del Pd Crisanti al primo raffreddore finiamo tutti in quarantena”), Letta sottolinea: “I meriti della candidatura Crisanti. Ognuno dice cosa pensa veramente della più grande tragedia degli ultimi tempi”. Il leader dem aggiunge gli hashtag #lockdown #illiberale #inutile #raffreddore #quarantena.

Ospite a ‘The Breakfast Club’ su Radio Capital, oggi Andrea Crisanti ha dichiarato: “Salvini critica la mia candidatura con il Pd? Forse dovrebbe pensare a tutti gli errori di valutazione che ha commesso, sia in politica estera che sulla sanità pubblica. Se fossimo stati nelle sue mani ora ci sarebbero 300mila vittime di Covid al posto di 140mila e saremmo allineati con Putin. Salvini critica me, ha altre cose a cui pensare”.

Immediata la reazione della Lega. “Nessuna lezione di morale da Crisanti che, mentre le Regioni a guida Lega erano in prima linea a combattere una battaglia inaspettata e senza precedenti contro un virus allora sconosciuto, era impegnato nel suo show televisivo con finalità adesso note a tutti. Ma ora gli italiani hanno le idee chiare e il 25 settembre sapranno scegliere tra le chiacchiere della sinistra e la concretezza del centrodestra” afferma in una nota Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.

“Che delusione Crisanti. Spiace vedere che appena infilata la pettorina del PD il professore abbia dimenticato tutto quello che ha vissuto durante la pandemia, collaborando peraltro con una giunta regionale leghista come quella del Veneto, e abbia deciso di contraddire le sue stesse dichiarazioni (che sono ovunque) ribaltando la realtà” dice Fabrizio Cecchetti, vice capogruppo della Lega alla Camera dei Deputati.

Arriva anche il tweet dello stesso Matteo Salvini: “‘Crisanti? Un esperto di zanzare’. Il prof. Giorgio Palù, virologo padovano di fama internazionale e presidente dell’Agenzia Italiana del Farmaco, parla così del ‘tele-virologo’, oggi candidato dal PD”. ADNKRONOS

Condividi

 

Articoli recenti