Accoglienza, Don Geremia: “Ad Andria ora si affittano case solo ai migranti”

Don Geremia
foto FB

Con il suo progetto “Dall’esclusione all’inclusione” sta rivoluzionando il sistema di accoglienza dei migranti ad Andria, in Puglia. Una “rivoluzione” che si basa su tre principi: l’ordine, l’accompagnamento e la manutenzione. E’ così che don Geremia Acri, sacerdote della diocesi di Andria e responsabile della Casa di Accoglienza Santa Maria Goretti, è riuscito a fare affittare a centinaia di extracomunitari appartamenti di privati: per ognuno c’è un volontario che verifica periodicamente lo stato dell’abitazione. Così “i cittadini andriesi proprietari di case lo chiamano per affittare ai migranti invece che agli italiani. E’ un qualcosa di inedito e utopistico in Italia, dove di solito prevale il razzismo”, commenta Yvan Sagnet, presidente dell’Associazione No Cap e partner del progetto, che dà notizia su Facebook del successo di questa iniziativa.

Case solo ai migranti, il progetto

“Numerosi senza fissa dimora, che fino a qualche giorno fa alloggiavano in alcuni ghetti dei nostri territori, in baracche di fortuna, riposando su giacigli improvvisati e zeppi di acari, con servizi igienico-sanitari al limite della decenza umana, ebbene a loro è stato proposto un luogo di accoglienza sicuro, un lavoro onesto e un trasporto, da e per il lavoro, onesto. E’ questo il progetto strutturato per dare risposte concrete all’emergenza abitativa dei migranti stagionali sul territorio”, si legge sul sito della Fondazione Migrantes.

Il progetto nasce proprio in seno all’Ufficio Migrantes della Diocesi di Andria, del quale don Geremia è responsabile, in collaborazione con la Rete No Cap, l’Azienda Agricola Cantatore di Ruvo di Puglia e la Comunità Migrantesliberi. “Una rete – dichiara don Geremia Acri al sito della Fondazione – che si è costituita in piena autonomia, senza l’interlocuzione delle istituzioni, con l’obiettivo di salvaguardare la dignità della persona. Il meccanismo della povertà alimenta quello della criminalità: ognuno ha diritto a una casa, a condizioni di vita dignitose e alla possibilità di realizzare le proprie aspirazioni”.  www.tgcom24.mediaset.it

Condividi

 

bresup

Articoli recenti