“Falsato il voto a Palermo”. Ordine degli avvocati lancia l’allarme

lamorgese

di Luca Sablone – La gestione delle elezioni amministrative a Palermo si copre sempre di più di giallo. Il caos scoppiato in nelle prime ore di apertura dei seggi ha provocato reazioni politiche durissime, visto che oltre alla consultazione territoriale a rimetterci sono anche i cinque referendum sulla giustizia per cui sono chiamati a esprimersi tutti gli italiani. Così è spuntata l’ombra del possibile annullamento del voto, visto che in molti denunciano irregolarità e situazioni anomale che potrebbero comportare conseguenze inevitabili.

Falsato il voto

Sulla questione è intervenuto senza giri di parole Antonello Armetta: il presidente dell’ordine degli avvocati di Palermo sul proprio profilo Facebook ha sollecitato l’intervento del ministero dell’Interno, sostenendo che quanto sta accadendo nel capoluogo siciliano “è di una gravità estrema tale da falsare queste elezioni”. E ha fatto notare che le elezioni “sono annullabili” se viene precluso il diritto di votare anche a un solo cittadino.

Leggi anche
► Sindaco Orlando (Pd): “Palermo non è più governata dalla mafia”

Per il presidente dell’ordine degli avvocati di Palermo “non è accettabile” l’attacco politico, in quanto la competenza della gestione dei presidenti di seggio “non è dei comuni”. Da qui l’invito a un intervento diretto e immediato del Viminale. “Queste elezioni vanno fermate qui”, ha scritto a chiare lettere Antonello Armetta.

Tuttavia l’Ansa riferisce che secondo Guido Corso, uno dei più noti amministrativisti, il caos dei seggi a Palermo non intaccherebbe la validità delle elezioni: “C’è stata quindi una riduzione della durata delle operazioni elettorali. Ma questo non giustifica la richiesta di annullamento del voto. Anche in virtù del principio del ‘favor voti’, la ritardata operatività dei seggi non ha comportato alcuna invalidità”.
Caos ai seggi

La prefettura di Palermo ha comunicato che, a seguito della nomina da parte del Comune di Palermo degli ultimi 13 presidenti delle sezioni elettorali mancanti, sono regolarmente insediate tutte le 600 sezioni elettorali previste in città “senza che sia stato necessario procedere ad alcun accorpamento tra di esse”. Ma il caos ai seggi non può essere cancellato, tanto che il Codacons ha annunciato che nella giornata di domani depositerà un esposto alla Procura di Palermo per accertare quanto accaduto e le rispettive responsabilità. […]  www.ilgiornale.it

Condividi

 

bresup

Articoli recenti