Pechino agli Usa: “Taiwan è Cina, pronti alla guerra”

Cina ministro Wei Fenghe

“Taiwan è parte della Cina e il principio dell’Unica Cina è il fondamento politico delle relazioni sino-americane”. Lo ha detto il ministro della Difesa di Pechino Wei Fenghe al capo del Pentagono Lloyd Austin in un incontro a Singapore. “E’ impossibile – ha chiarito – usare Taiwan per controllare la Cina”. Inoltre, aggiunge Pechino, la “Cina non esità a iniziare una guerra se Taiwan dichiarerà l’indipendenza”.

Sempre più alta la tensione tra Pechino e Washington per il caso Taiwan. La Cina, fa sapere, “non esiterà a iniziare una guerra” se Taiwan dichiarerà l’indipendenza”. Lo ha riferito Wu Qian, portavoce del ministero della Difesa cinese, citando il suo ministro Weu Fenghe nel corso dell’incontro avuto con la capo del Pentagono Lloyd Austin. “Se qualcuno osa dividere Taiwan dalla Cina, l’esercito cinese non esiterà a iniziare una guerra a qualunque costo“, ha aggiunto Wu.

Pechino chiede agli Stati Uniti di revocare l’accordo firmato con Taiwan per la vendita di 120 milioni di dollari di componenti di ricambio e servizi logistici alla Marina. Secondo il ministero degli Esteri della Cina, l’affare costituisce “una seria violazione del principio “una sola Cina” e dei tre comunicati congiunti Usa-Cina”, come sottolineato dal portavoce Zhao Lijian in conferenza stampa. Secondo Zhao, la vendita di armi a Taiwan “minaccia gli interessi di sicurezza” di Pechino, danneggia le relazioni tra Usa e Cina e mette a rischio “la pace e la stabilità nello Stretto di Taiwan”.  tgcom24.mediaset.it

Condividi

 

bresup

Articoli recenti