Zelensky ai partner: confiscare beni dei russi per risarcire l’Ucraina

zelensky

“Un risarcimento per tutte le perdite che la Russia ha inflitto all’Ucraina con la sua aggressione”. Sono le parole pronunciate da Volodymyr Zelensky nel messaggio diffuso nelle scorse ore, come riporta la presidenza ucraina, con l’invito ai partner di Kiev a firmare “un accordo multilaterale” e “creare un meccanismo” per risarcimenti agli ucraini che hanno subito “perdite” per l'”aggressione russa” con la “confisca” di “fondi russi e proprietà” in altri Paesi.

“La liberazione, prima di tutto”, secondo Zelensky, che ha insistito sul “combattere fino a quando non avremo liberato la nostra terra dagli occupanti e garantito la sicurezza dell’Ucraina”. Poi, “perseguire tutti i criminali di guerra russi”, nei “tribunali ucraini, al tribunale internazionale e sul campo di battaglia mentre la guerra continua”. E, ha proseguito, “stiamo lavorando per garantire che la Russia risarcisca in un modo o nell’altro tutto ciò che ha distrutto in Ucraina”.

I beni dei russi per risarcire gli ucraini

L’invito rivolto ai partner dell’Ucraina è a “firmare un accordo multilaterale e a creare un meccanismo attraverso cui tutti coloro che hanno sofferto per le azioni della Russia possano ricevere un risarcimento per tutte le perdite”.

Secondo Zelensky, sulla base di un simile accordo, “i fondi russi e le proprietà sotto la giurisdizione dei Paesi partner devono essere sequestrati o congelati e poi confiscati e indirizzati su un fondo creato appositamente da cui tutte le vittime dell’aggressione russa possano ricevere risarcimenti adeguati”. Così, ha detto, “la Russia sentirà il peso reale di ogni missile, ogni bomba, ogni proiettile contro di noi”.  ADNKRONOS

Condividi

 

bresup

Articoli recenti