Cina, vola l’import di energia dalla Russia: +75%

putin xi russia-cina

Boom di importazioni dalla Russia da parte della Cina. Ad aprile Pechino ha continuato l’import di  energia da Mosca, acquistando petrolio, gas e carbone in aumento annuo del 75% a più di 6 miliardi di dollari. Questo malgrado la domanda interna abbia subito un rallentamento a causa dei rigidi lockdown di contenimento dell’ondata di Covid-19 e il varo delle sanzioni occidentali contro la Russia per l’invasione dell’Ucraina.

L’import di gas naturale liquefatto, in base ai dati delle Dogane cinesi, è salito dell’80% annuo a 463.000 tonnellate; quello del greggio del 4% a 6,55 milioni di tonnellate, con la Russia nella seconda posizione di maggiore fornitore dietro l’Arabia Saudita.

Leggi anche
Condizionatori spenti, in Senato si soffoca: in tanti hanno cercato di rinfrescarsi con ventagli improvvisati o con una bottiglietta d’acqua gelata piazzata sulla fronte

Import di  energia, 6,42 miliardi di dollari

Aumentato il valore degli acquisti di combustibili minerali – L’impennata dei prezzi seguita all’invasione della Russia ai danni dell’Ucraina ha aumentato il valore degli acquisti di combustibili minerali da parte della Cina, compreso il carbone, a 6,42 miliardi di dollari, pari al 72% dell’import proveniente da Mosca.

Legami destinati a rafforzarsi – Pechino, riporta ancora Bloomberg, è anche in trattative con Mosca per ricostituire le sue scorte strategiche con il greggio a sconto russo. Un segnale di come probabilmente i legami energetici tra i due partner “senza limiti” siano destinati a rafforzarsi, mentre gli acquirenti occidentali stanno cercando di disimpegnarsi, come hanno già fatto Usa e Regno Unito. Da segnalare, infine, che le importazioni di grano sono diminuite dell’81%, a 2.990 tonnellate. tgcom24.mediaset.it

Condividi

 

bresup

Articoli recenti