Covid, Parlamento UE: ok Green pass fino a giugno 2023

green Pass al Parlamento europeo

Green pass fino a giugno 2023 – Il Parlamento europeo appoggia la Commissione Libe perché apra negoziati con gli Stati membri per prolungare la validità del certificato digitale Covid dell’Ue, o Green pass, di un anno, fino al 30 giugno 2023. La plenaria a Strasburgo ha votato per approvare i negoziati con 432 voti a favore, 130 contrari e 23 astenuti per i cittadini Ue (441 sì, 132 no e 20 astenuti per i non Ue). Oltre a estendere la validità dello strumento, nato per facilitare gli spostamenti tra gli Stati membri dell’Unione, i cambiamenti dovrebbero anche consentire ai Paesi di concedere certificati di test basati su nuovi tipi di esami antigenici.

Gli eurodeputati sottolineano che gli Stati dovrebbero “evitare” di imporre restrizioni ulteriori alla libertà di circolazione, fortemente compressa durante la pandemia di Covid-19, a meno che non sia “assolutamente necessario”. Se le restrizioni sono necessarie, devono essere “limitate” e “proporzionate”, sulla base del parere dell’Ecdc, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, e del Comitato Ue per la sicurezza sanitaria.

I deputati chiedono anche all’Ecdc di valutare se il pass sia necessario e proporzionato, 6 mesi dopo la proroga, e intendono mantenere il periodo di validità del regolamento che ha istituito il pass il più breve possibile, abrogandolo non appena la situazione sanitaria lo consentirà. I negoziati interistituzionali con il Consiglio inizieranno subito, in modo che le nuove regole siano in vigore il prossimo 30 giugno, quando il regolamento in vigore arriverà a scadenza.  di TiscaliNews/Adnkronos

Condividi