Battaglione Azov, Capuozzo: sono nazisti pragmatici, hanno fatto pulizia etnica in Donbass

Toni Capuozzo

Il Battaglione Azov continua a far discutere e dividere l’opinione pubblica occidentale. E Toni Capuozzo, ospite di Nicola Porro a Quarta Repubblica su Rete 4, dice la sua. Il reggimento protagonista della cisedetta  “eroica resistenza” nei bunker sotto la acciaieria Azovstal a Mariupol, di fatto, sta tenendo in scacco l’esercito russo che vuole conquistare l’ultimo avamposto nemico per poter avere il controllo totale non solo della città portuale, ma di tutta la fascia meridionale dell’Ucraina a eccezione di Odessa. Ecco perché proprio il Battaglione Azov, contro cui Vladimir Putin ha schierato anche il famigerato contingente ceceno, è l’elemento-chiave anche per l’Europa.

Pulizia etnica in Donbass

Un cortocircuito “democratico”, viste le simpatie dichiaratamente naziste dei miliziani ucraini. “Il battaglione Azov negli anni ha fatto una pratica di pulizia etnica in Donbass – è l’accusa di Capuozzo, invito di guerra e fondatore della trasmissione di inchiesta di Canale 5 Terra! che ha seguito sul campo quel sanguinoso conflitto scatenatosi nel 2014 -, sono dei nazisti pragmatici. L’esercito ucraino lo ha reclutato è ampiamente usato”.

Quindi una riflessione generale sul conflitto: “Per me l’Europa non sa qual è la vittoria perché decide l’America. Ditemi un esempio in cui l’Occidente dove è intervenuto con le armi ha lasciato un mondo migliore?”. Gli risponde l’ex ministro degli Esteri Giulio Terzi: “La Nato in Kossovo è intervenuta per evitare un disastro umanitario. Ovunque siamo andati abbiamo lasciato un mondo migliore e grazie al cielo che siamo sotto il cappello dell’America!”. liberoquotidiano.it

Condividi