Prof Sinagra: scorrerà il sangue

Frattini e Speranza - Sinagra: scorrerà il sangue

di Augusto SinagraScorrerà il sangue
Come nelle migliori storie di mafia, per l’appartenente alla cosca, chi sgarra ne subisce le conseguenze.
Si verifica infatti che dopo la sofferenza della tragedia c’è ora il piacere della farsa tragica: i medici traditori, vili e corrotti che si sono servilmente attenuti al protocollo sanitario ministeriale omicidiario della “Tachipirina e vigile attesa” (imposto o solo “raccomandato”, non cambia niente), avvertendo l’arrivo della inevitabile saetta platonica, dicono di aver eseguito ordini (e non avvertono il senso della vergogna nel dire questo).

Però, come ora ha spiegato il Consiglio di Stato il famigerato protocollo non rifletteva un ordine ma solo una affettuosa, calorosa, paterna “raccomandazione” che non impediva ai medici di curare secondo scienza e coscienza.
Ed ora finalmente si potrà assistere allo spettacolo dello scannamento da Circo Massimo tra il Ministro/Ministero della Salute e i medici compiacenti che hanno fatto la parte degli esecutori materiali di un progetto criminoso (attenzione: non imposto ma solamente “raccomandato”).
Ora se la vedano tra di loro Speranza Roberto e i suoi ex amici medici su chi dovrà rispondere dei danni causati alle famiglie di Morti per loro mano.

Perché il problema è semplice ed è solo questo: Consiglio di Stato o non Consiglio di Stato, e cioè o benevola “raccomandazione” oppure “ordine”, i medici assassini – se non erano e non sono totalmente idioti e incapaci – avrebbero dovuto capire da soli che la somministrazione della Tachipirina e il tempo perso con la “vigile attesa”, avrebbe condotto fatalmente alla morte.

Scorrerà il sangue

Il Consiglio di Stato dica pure quello che vuole ma resta il fatto che se pure si trattava e si tratta di una semplice e affettuosa “raccomandazione”, questo avrebbe indotto medici indegni (e non ce ne sono pochi) a compiacere le “raccomandazioni” ministeriali. E così restando intatta anche la diretta responsabilità di un Ministro che “raccomanda” metodi di morte.

Scorrerà il sangue.

AUGUSTO SINAGRAProfessore ordinario di diritto delle Comunità europee presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. Avvocato patrocinante davanti alle Magistrature Superiori, in ITALIA ed alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, a STRASBURGO

Condividi