Scandalo Csm, la Camera salva il deputato Cosimo Maria Ferri (Iv)

cosimo ferri palamara

I voti a favore sono 227, 86 i contrari. L’Aula della Camera ha confermato la Relazione della Giunta per le autorizzazioni e, quindi, ha negato l’autorizzazione a utilizzare le captazioni informatiche nei confronti del deputato Cosimo Maria Ferri, come da richiesta avanzata dalla Sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura. I voti a favore sono 227, 86 i contrari.

La Giunta, a maggioranza, aveva deliberato di proporre all’Assemblea di negare l’autorizzazione all’utilizzazione delle captazioni informatiche nei confronti del deputato Cosimo Maria Ferri cosi’ come contenute nella domanda pervenuta il 2 agosto 2021.

Le conversazioni tra Cosimo Maria Ferri e Palamara

La richiesta riguardava esclusivamente la captazione informatica, effettuata per mezzo del Trojan Horse inserito nel telefono cellulare del magistrato Luca Palamara, di conversazioni, alle quali ha preso parte l’onorevole Ferri, avvenute il 9 maggio 2019, il 21 maggio 2019, il 28 maggio 2019 e il 29 maggio 2019. Si tratta dell’inchiesta relativa agli incontri avvenuti all’Hotel Champagne nell’ambito della vicenda delle nomine ‘pilotate’.  affaritaliani.it

Condividi