Scuola, supplenti precari senza stipendio da mesi

Draghi e Bianchi scuola

Supplenti precari senza stipendio da mesi – Scuola, mancano i supplenti. Quelli che ci sono non li pagano. La scuola rischia di entrare a breve in una nuova emergenza.

Il 10 gennaio tutti gli studenti torneranno regolarmente in aula in presenza, ma ad attenderli potrebbero non trovare più nessuno, sono infatti migliaia gli insegnanti e bidelli bloccati a casa a causa del Covid o per il fatto di non essersi immunizzati. Al loro posto da ottobre – si legge sul Messaggero – erano stati assunti dei sostituti precari a tempo determinato. In tutto si tratta di circa 18mila docenti, messi in campo per coprire le assenze dei colleghi, in malattia o in quarantena, o per dividere le classi e assicurare quel distanziamento tanto difficile da realizzare.

A cui si aggiungono – prosegue il Messaggero – 22mila bidelli e amministrativi, sempre parte dell’organico Covid, chiamato proprio per mantenere pulite le aree della scuola maggiormente a rischio per aiutare le classi ad entrare o ad uscire senza assembramenti, per dare supporto ai docenti o per lavorare nelle segreterie e sostenere i colleghi nelle convocazioni e nella ricerca di supplenti. Sono tutti precari e, molti di loro probabilmente il 50%, non percepiscono lo stipendio con regolarità. Anzi, non lo ricevono proprio per niente.  affaritaliani.it

Condividi