E’ stato introdotto l’obbligo vaccinale per gli studenti

green pass obbligatorio per gli studenti

Con le ultime novità introdotte dal Governo che non sa più che pesci pigliare per non ammettere il fallimento nell’aver puntato tutto solo sulla strategia vaccinale e sul green pass salva chiusure, si è andati ancora e inesorabilmente a colpire i diritti dei più giovani, i grandi assenti dai reparti covid e dalle terapie in tensive per Covid, ma i più colpiti invece dalle patologie neuropsochiatriche. Tentati suicidi, autolesionismo, disturbi dell’alimentazione e il dilagare di dipendenze patologiche di ogni tipo.

Un’intera generazione sconvolta dal malessere alla quale sono stati sottratti sogni, relazioni, sport e scuola. E dal 10 gennaio la cura sarà ancora meno scuola e meno sport per una non bene precisata maggior tutela della salute dato che la copertura vaccinale tra i giovani è altissima e il paese non sarà certo salvato tenendo a casa la piccola percentuale di chi ancora non ha deciso di vaccinarsi.

Obbligo vaccinale per gli studenti

Infatti, gli studenti non vaccinati non potranno più recarsi a scuola con i mezzi pubblici, non potranno più praticare nessun tipo di sport e in caso di compagni positivi vedranno applicarsi dad e quarantene discriminatorie in base al loro stato sanitario.

L’Emilia Romagna ha il triste primato italiano per accessi ai pronto soccorso per disturbi della sfera psichiatrica (più del doppio rispetto l’anno precedente) e qui si parla di dad per gli studenti i cui genitori hanno fatto scelte legittime. Ma cos’e’ oramai legittimo? Un sistema regionale di tracciamento che fatica a rispettare i protocolli obbligando bambini sani a 15 giorni lontano dai banchi lo è? Dopo tanti sacrifici e anche dopo la consapevolezza che vaccinazione e green pass per i minori siano la foglia di fico per dissimulare le inefficienze del sistema sanitario e scolastico, vorremmo semplicemente dire all’unisono, uniti indipendentemente dal libretto vaccinale dei nostri figli e alunni, che I decisori stanno giocando con il fuoco accanendosi sulla generazione che più dovrebbero salvaguardare.

Una classe non è classe se manchera’ qualcuno all’appello e una squadra non è più squadra senza tutti i propri giocatori. Almeno avessero chiamato le cose con il loro nome: dal 2022 e’ stato introdotto l’obbligo vaccinale per gli studenti italiani, a fronte però di una mancata assunzione di responsabilità.

COMUNICATO Scuola in presenza

Condividi