Bellanova contro Zingaretti: ultimatum tolgono credibilità alla politica

In un’intervista alla “Stampa” il ministro dell’Agricoltura, Teresa Bellanova risponde al segretario del Pd, Nicola Zingaretti che chiede “gioco di squadra” e avverte: altrimenti “inutile andare avanti”…

“Ecco – dice la renziana Bellanova – questi sono gli ultimatum che poi diventano penultimatum… Tolgono credibilità alla politica. Una coalizione ha il dovere di confrontarsi. Se anche il ministro dell’Economia dice che ci si può confrontare, è evidente che il Parlamento deve poter discutere”.

Bellanova si dice convinta che “la maggioranza saprà migliorare la manovra, anche in collaborazione con l’ opposizione perché il Parlamento è il luogo del confronto. Presenteremo emendamenti, miglioreremo laddove la maggioranza si convincerà. Per noi è chiaro il perimetro della maggioranza, ma è chiaro che si va in Parlamento e ci si confronta”.

Calenda: perché Bellanova non dice una parola su Ilva?

“Teresa, visto che parli di dignità dire una parola su Ilva?” E’ la domanda che Carlo Calenda, su Twitter, rivolge alla ministra Teresa Bellanova. “Perché avete votato anche voi contro lo scudo penale che insieme abbiamo varato. E sai perfettamente cosa può significare. Piegarsi anche su questo ai 5S e a Emiliano è semplicemente indignitoso”….

Bellanova: ”alleanza con M5s per salvare l’Italia da Salvini”

“Alle elezioni noi e il M5s saremo avversari. Ora dovevamo salvare l’Italia. Non è un’alleanza strategica. Noi (Pd) ci siamo fatti carico di una grande responsabilità che era quella di salvare l’Italia. Al governo c’era un signore che aveva lanciato messaggi inquietanti, quindi noi ci siamo fatti carico di mettere al riparo la nostra economia…

Basta schiavismo! Konarè asfalta Teresa Bellanova

Mohamed Konarè risponde al Ministro dell’agricoltura la renziana Teresa Bellanova. La ministra vuole i porti aperti e sostiene (mentendo, ndr) che i ragazzi italiani non vogliono più fare lavori usuranti e che per sopperire a questa carenza bisogna importare manodopera dai paesi africani.

“Io precario senza contratto, sfruttato da Teresa Bellanova”

13 febbraio 2015 – “Io, precario e senza contratto, sfruttato dal Pd e dalla sottosegretaria al lavoro”: è l’accusa di Maurizio Pascali, ex addetto stampa di Teresa Bellanova, sindacalista Cgil ora viceministro nel governo Renzi. “Il contratto non c’era perché è stata una collaborazione occasionale” si difende lei, incalzata da Danilo Lupo; ma un documento…

Condividi