Giudice assolve marocchino che picchiava la moglie. Il pm aveva chiesto 8 anni

giustizia

Pm chiede 8 anni per violenze sulla moglie. Il giudice lo assolve. Una sentenza del tribunale di Prato è destinata a far discutere. I fatti risalgono a ben sette anni fa, ma il verdetto dopo parecchi rinvii è arrivato solo nei giorni scorsi ed è stato clamoroso. Ribaltata totalmente la tesi accusatoria dei pm. Un marocchino di 46 anni era accusato dalla moglie di violenze ai suoi danni, anche in presenza di minori. La donna – si legge sul Tirreno – aveva non solo denunciato l’uomo ma addirittura portato al processo prove ben circostanziate.

Leggi anche
Strage di Sassuolo, Elisa Mulas aveva denunciato le minacce di morte

Sembravano non esserci dubbi sul verdetto finale, tanto che i pm avevano addirittura chiesto otto anni di carcere per l’imputato. Ma il giudice ha deciso in maniera diversa. Nell’arringa conclusiva l’avvocato della difesa ha chiesto l’assoluzione arrivando a conclusioni diametralmente opposte a quelle del pubblico ministero. Il Tribunale ha accolto quest’ultima tesi ed ha assolto il quarantaseienne, sette anni dopo i fatti incriminati.  affaritaliani.it

Condividi