Condannato per l’Ilva, il Pd lo candida alle elezioni

Condannato per l'Ilva, il Pd lo candida alle elezioni

Condannato per l’Ilva, il Pd lo candida alle amministrative di San Giorgio Ionico

L’ingegnere Salvatore De Felice è stato condannato a 17 anni di carcere per inquinamento ambientale nel processo “Ambiente svenduto”. Il procedimento giudiziario si riferisce allo sversamento di veleni nell’area dell’ex Ilva di Taranto. Il Pd, però, ha deciso ugualmente di candidarlo come capolista alle prossime elezioni amministrative di San Giorgio Ionico, paese alle porte di Taranto.

Come riporta “Il Fatto Quotidiano”, la Corte d’Assise di Taranto, lo scorso 31 maggio, ha giudicato colpevoli gli ex proprietari, i vertici dell’acciaieria, politici e uomini delle istituzioni. De Felice, ingegnere e dirigente Ilva all’epoca dei fatti, nel piccolo comune pugliese è già stato consigliere del Pd, partito di cui ha ricoperto anche la carica di segretario locale.

Per la magistratura tarantina, i vertici dell’Ilva avrebbero operato “con continuità e piena consapevolezza una massiva attività di sversamento nell’ambiente di sostanze nocive per la salute umana, animale e vegetale, diffondendo tali sostanze nelle aree interne allo stabilimento nonché rurali e urbane circostanti”. www.iltempo.it

Condividi