Green pass, così la libertà è stata violentata

la libertà è stata violentata

di Aldo Grandi – La costituzione italiana, carta straccia ormai con cui, sistematicamente, la Sinistra e anche la destra al seguito si sciacquano la bocca e si puliscono il fondoschiena un giorno sì e l’altro pure, dice, all’articolo 13, che la libertà personale è inviolabile. Lasciamo perdere le eccezioni anche se i soliti soloni del buonsenso a un tanto al chilo vorrebbero farci credere che esiste una emergenza sanitaria alla quale non crede più nessuno se non i beoti e coloro ai quali il terrorismo mediatico ha bruciato circuiti e resistenze. La libertà, invece, non soltanto è violabile, ma è stata violata, violentata e, se la vogliamo dire tutta, è andata sistematicamente a puttane.

Basterebbe accendere il cervello, ma gli italiani, si sa, la materia cerebrale, quando si ricordano di averla, la utilizzano per celebrare le vittorie calcistiche o per fottere lo stato che li amministra come fossero pecore o bestie da soma.

L’avvento del Green pass, è bene dirlo casomai qualcuno se lo dimenticasse, sarà una abitudine dalla quale non ci toglieremo più. Così come la mascherina e le altre misure demenziali adottate da una politica fatta da eunuchi per conto di un comitato tecnico scientifico che osserva il mondo da dentro una clessidra senza sapere nemmeno che cosa è la vita reale.

Il Green pass è solo il primo passo verso una nuova gestione dell’umanità. Non a caso gli imbecilli miliardari hanno parlato di pandemie che avverranno, perché è chiaro che il passaporto sanitario diventerà il grimaldello, si fa per dire, per illuderci e illudersi di essere liberi e protetti allo stesso tempo.

Come fa la gente normodotata a non rendersi conto che si tratta di un incredibile gioco di prestigio con cui si fa sembrare reale ciò che non è inducendo paura e terrore nelle persone che non sono abituate ad avere senso critico e autonomia di pensiero? Guardate i contagi, i numeri sono ridicoli e se anche aumenteranno il rapporto con il totale della popolazione sarà semplicemente insignificante. Invece, vedrete, a ottobre ci inchiappetteranno nuovamente e daranno la colpa a noi non vaccinati che verremo, quantomeno, deportati in qualche luogo designato per ospitare gli irriducibili.

Battute a parte, qui non si discute se il vaccino può far male o anche far morire. Qui si discute la sua necessità e la sua obbligatorietà pena la emarginazione assoluta e progressiva per chi non ci sta a fare da pecora per un gregge di pecore addomesticate.

La libertà è stata violentata

Questa non è solamente violazione della costituzione, questa è violenza sulle persone alle quali viene impedito tutto o quasi: dal fare sport all’andare in biblioteca, dal lavoro allo studio, dalla socializzazione alla possibilità di vedere una pellicola. E aperto o chiuso non fa alcuna differenza. Anzi. Vedrete, appena finisce l’estate poliziotti e carabinieri saranno designati a controllare chi viola queste regole da strapazzo.

E proprio a voi, cari agenti e cari carabinieri con i quali lavoriamo da oltre trent’anni di onorata carriera. Siete scesi in campo indossando una divisa perché credevate in alcuni ideali, la giustizia, ma anche la sicurezza per la gente normale, di fronte alla violenza e alla malvagità. Siete o dovreste essere, da sempre, gli alfieri del bene e mai avreste pensato di ridurre la vostra attività allo scoprire se a tavola, in un ristorante, ci sono degli ‘abusivi’ gente, cioè, che mangia senza… permesso. Sì, perché di questo passo anche mangiare sarà un lusso riservato solo a chi accetterà le regole del Nuovo Ordine Sociale.

Ma come fate, voi agenti e carabinieri, a dire sempre di sì? Ma la sera, quando rientrate a casa, non vi viene il dubbio di aver obbedito ed eseguito ordini che non hanno una logica e un senso? Possibile che basti uno stipendio fisso per annacquare tutte le vostre capacità di critica?

Onestamente, con tutto quel che accade ogni giorno in questo Paese di m…a dove ognuno fa quel che vuole, come vuole, quando vuole e dove spaccio e delinquere sono diventate doti da cui non poter prescindere, voi come fate a recarvi nei locali a controllare se chi sta seduto al tavolo è stato vaccinato o si è fatto il tampone ? Ma non vi sentite tremendamente ridicoli?

Noi, al posto vostro, non avremmo dubbi: sciopero istantaneo. Perché il potere non può arrivare a manipolare le coscienze come sta cercando di fare da quasi due anni. Ognuno di noi risponde a se stesso e alla propria coscienza, non al ministro Speranza o al Dragopardo o ai virologi e infettivologi del comitato.  www.lagazzettadilucca.it

Condividi